Un’alimentazione equilibrata e più in generale uno stile di vita sano può aumentare anche di tre anni la longevità della vita. Bisogna prestare attenzione a non lasciarsi andare in dannosi eccessi, seguire una dieta ipocalorica priva di troppi grassi ma con più frutta e verdure, e concedersi più o meno quotidianamente un po’ di attività fisica che aiuti il corpo a mantenersi giovane e tonico.

Non solo, però: tra i benefici derivanti da una dieta sana, vi è anche l’aumento dell’abilità dell’organismo di riparare i danni cellulari, ridurre le conseguenze dei radicali liberi, reagire positivamente alle situazioni di stress, maggiore efficienza nel metabolismo e un rallentamento dei sintomi dell’invecchiamento. Insomma, tante buone ragioni per non trascurare il proprio stile di vita.

Questo è quanto sottolinea Barilla Center for Food & Nutrition, spiegando attraverso uno studio il rapporto tra longevità, costi sociali correlati e benessere.

Se da una parte è vero che negli scorsi 35 anni l’aspettativa media di un individuo è aumentata di circa otto anni, è anche vero che questa può aumentare di ulteriori 36 mesi di media se si cura l'{#alimentazione}. Inoltre, è stato spiegato come non solo mangiare bene e in modo equilibrato allunghi la vita se fatto a lungo termine, ma come si riveli poi una sorta di metodo del tutto naturale per prevenire {#tumori}, diabete e altre malattie che mettono a rischio la propria {#salute}.

Il {#benessere} parte dalla tavola, dunque, e a partire dall’8 settembre verrà spiegato molto più dettagliatamente il rapporto tra longevità e benessere per capirne di più a riguardo e tutelare la propria salute con le buone abitudini.

Fonte: Ansa