È già passato un anno e sembra che sia passato un secolo. Pietro Taricone se n’è andato il 29 giugno dell’anno scorso a causa di un brutto incidente con il paracadute, ma nei cuori di chi lo amava è sempre vivo. Basta rivedere gli spezzoni del primo Grande Fratello, in cui lui prese parte e fu assoluto protagonista pur non arrivando primo, o quel film di Gabriele Muccino, “Ricordati di me“, in cui interpretava un attore destinato a durare una sola stagione.

Galleria di immagini: Ferdinando Giordano

Ma Pietro non è durato una sola stagione: si è risparmiato, non ha assillato il pubblico con la sua presenza nei talk show, ha studiato recitazione, per poi lasciarci l’ultima perla, in un episodio di “Feisbum“, per la verità un film nel complesso mediocre, in cui però Pietro e il suo personaggio incarnano lo stereotipo del campano furbo che ben conosce l’arte di campare, con risultati davvero molto divertenti.

La partita in sua memoria si terrà il 27 luglio allo stadio Arechi di Salerno e vedrà schierata la Nazionale VIP TV, tra cui figura il conterraneo di Pietro ed ex gieffino anch’egli Ferdinando Giordano. Tra i calciatori presenti nella squadra anche i tronisti Giovanni Conversano e Giorgio Alfieri. Conoscendo le finalità della squadra, c’è motivo di pensare che i proventi della partita saranno destinati a un uso benefico.

Vogliamo ricordarlo così Pietro, con la sua ultima intervista televisiva rilasciata a Serena Dandini nel salotto di “Parla con me“. In questo spezzone emerge tutto il Pietro sensibile, quello cui non tutti hanno fatto caso, nascosto dietro la patina del personaggio del guerriero: una persona che sapeva emozionarsi con la poesia, una persona autoironica, modesta e con un grande cuore che non tutti sono riusciti a vedere al di là dei luoghi comuni e della sua scorza.