Anche il nostro caro tenore Andrea Bocelli si è conquistato un meritatissimo angolo nel celebre “Walf of Fame”, accanto ad altre intramontabili star.

Dopo Arturo Toscanini, Anna Magnani, Bernardo Bertolucci, Sophia Loren, Enrico Caruso, Rodolfo Valentino, Bocelli è il settimo artista italiano cui è stata dedicata una stella dorata sul rispettabilissimo viale.

Il riconoscimento gli è stato conferito dalla Hollywood Chamber of Commerce e testimonia (sempre che ce ne fosse bisogno!) la stima e il grande affetto dei suoi innumerevoli ammiratori sparsi per il mondo.

Di recente, la fama internazionale del tenore si lega all’incredibile successo dell’ultimo album My Christams con classici della musica riarranggianti in duetto con Katherine Jenkins, Natalia Cole, Mary J. Blige; con quest’ultima Bocelli ha cantato qualche settimana fa in occasione dei Grammy Awards.

Nel corso della cerimonia Bocelli è apparso visibilmente commosso, circondato dall’affetto di David Foster e della compagna manager Veronica Berti; intervistato da La Repubblica, ha dichiarato: “la prima volta che misi piede su questo marciapiede delle star, e ci venni apposta, fu bellissimo: c’erano tutti i grandi dello spettacolo americano, attori, cantanti, registi, quelli che avevo sempre sentito come maestri e ispiratori lontanissimi da me. C’era la stella di Sinatra e mi emozionò tantissimi scoprire le stelle con dei nomi italiani, come Sophia Loren ed Enrico Caruso, grandi figure che hanno lasciato un segno qui a Hollywood. Ora sono qui con loro e mi sembra un po’ strano. E bello”.

Tra i prossimi impegni dell’instancabile Bocelli, ora anche scrittore e produttore di vino, un tour che partirà a breve in Asia e Nord Europa, e poi, a dicembre, di nuovo in America per una serie di concerti.