Il colore delle unghie rispecchia lo stato di salute del corpo, in quanto manifestano numerosi sintomi e malanni: uno dei campanelli di allarme più ricorrenti sono le unghie gialle che, quando compaiono, fanno spaventare.

Ecco le cause che provocano le unghie gialle e tutti i rimedi per tornare a godere di ughie sane e belle.

  • Unghie gialle da fumo: una delle cause più ricorrenti che provocano al corpo umano la variazione del colore delle unghie è, senza ombra di dubbio, il fumo. I fumatori, soprattutto tutti coloro che abusano di nicotina, sono più esposti alle unghie gialle: questo per via del contatto ravvicinato della sigaretta con le dita (molto spesso si macchia anche la pelle). Il rimedio, anche se può sembrare scontato, è quello di smettere di fumare o di ridurre la quantità di sigarette fumate (e di poggiarle nel posacenere tra una boccata e l’altra).
  • Unghie gialle da smalto: un’altra causa che potrebbe provocare l’ingiallimento delle unghie è la non sopportazione, di quest’ultime, degli smalti acquistati, in quanto potrebbero essere ricchi di contenuti chimici o molto aggressivi. In questo caso, basterà semplicemente applicare, prima dello smalto, una passata di rinforzante per le unghie, così da ridurre l’impatto. Inoltre, è importante togliere lo smalto e tenere le unghie pulite almeno un giorno a settimana, dando così tempo alle dita di fare una pausa dagli agenti chimici.
  • Unghie gialle dei piedi: un altro problema riguarda le unghie gialle dei piedi che, soprattutto in vista della bella stagione, potrebbero provocare non pochi imbarazzi. La causa più frequente vede protagonisti funghi e microrganismi che proliferano quando il piede passa molto tempo nella scarpa. Per ovviare a ciò, è importante lasciare respirare i piedi, applicare apposite pomate e far stare i piedi, almeno un giorno a settimana, alla luce del sole.
  • Altre cause di unghie gialle: infine, tra le cause delle unghie gialle vi possono essere disfunzioni dell’organismo o carenza di elementi nutritivi come, ad esempio, zinco e ferro. Affinché sia possibile comprendere al meglio quali siano i disturbi, è necessario fare un’analisi approfondita del proprio stato di salute, supportati dal medico.