L’ennesimo episodio di discriminazione nei confronti del mondo omosessuale si è verificato negli Stati Uniti, precisamente in Illinois, dove una donna è stata licenziata per via del suo matrimonio lesbico.

Laine Tadlock, questo il suo nome, era direttrice della Benedectine University, un istituto di chiara e radicata ispirazione cattolica. La donna afferma che il rettore fosse a conoscenza del suo orientamento sessuale e che questo, almeno fino a oggi, non aveva mai costituito un problema.

Ma quando Laine si è recata in Iowa per sposare legalmente la sua compagna, la notizia delle nozze è apparsa su un quotidiano dell’Illinois, lo State Journal Register, in cui si menzionava chiaramente che la donna provenisse da un’università cattolica.

Dev’essere stato allora che il rettore ha deciso di licenziarla, con le seguenti motivazioni:

È venuta meno ai nostri principi basilari.

La versione dei fatti, però, sembra essere un tantino diversa se la si analizza dal punto di vista del rettore il quale, infatti, continua a dire che Laine si sia semplicemente dimessa e che non sia stata affatto licenziata.