Ogni donna con un minimo di esperienza in fatto di uomini con il tempo si costruisce la sua personale lista dei tipi da evitare e da cui restare rigorosamente alla larga. Io proverò a darvi qualche dritta semiseria in merito ad alcune tipologie di maschi che in genere andrebbero accuratamente scartate quando ci si sceglie un uomo da avere accanto. Ovviamente potrete anche non essere d’accordo, soprattutto nel caso siate compatibili con uno dei tipi di cui sotto.

Prendiamo ad esempio il super sportivo, quello che conta quante flessioni fa anche quando siete a letto a fare ben altro o che vi critica perché lui va a farsi le maratone e voi riuscite a malapena a correre per 3 km. Il super sportivo è spesso collegato ad altre due tipologie di uomini da evitare: il super salutista e il narcisista (perché il super sportivo di solito è anche salutista e ama sfoggiare il suo fisico atletico).

Il super salutista ti fa sentire continuamente in colpa per ciò che mangi, pesa tutto quello che poi dovrà ingerire e pretende che anche tu lo faccia (la sua frase tipo è: “Secondo me dovresti perdere qualche chilo“). Sa tutto sulla composizione degli alimenti ed è più informato di un chimico o di un biologo. Odia gli eccessi di ogni tipo, non ama sgarrare e non ama che tu lo faccia.

Il narcisista ama bearsi della sua immagine, si piace in maniera esagerata e ama piacere. E’ di solito troppo pieno di sé per poter amare qualcuna, ha più prodotti di bellezza della sua compagna e passa più ore di lei nei centri estetici.

Altre due categorie da evitare come la peste sono il fanatico di videogiochi e il mammone. Il fanatico dei videogames è in grado di eccitarsi più per il passaggio al livello successivo del gioco in cui è impegnato che per la sua donna, passa ore e ore a premere le sue dita sul joystick quando potrebbe utilizzarle in ben altro modo con la compagna…

Il mammome è il bimbo mai cresciuto, quello che non è in grado di capire che l’amore per la propria madre e per la propria compagna sono collocati entrambi al primo posto ma in modo diverso. Preferisce piuttosto ritenere che mammà è l’unica donna della sua vita.

Vogliamo parlare poi degli uomini già impegnati? Se non manifestano quasi subito l’intenzione di stare con voi e non si attivano all’istante per chiudere la situazione pregressa… Alla larga! Sono quasi sempre forieri di guai e basta. Non sottovalutate anche la tipologia di maschi che intrattengono una relazione extraconiugale con il divano di casa, quelli che per schiodarli da lì devi chiamare il carro attrezzi e poi acquistare il divano nuovo, che nel frattempo ha assunto la forma del vostro uomo.

Se non volete intossicarvi la vita state lontane anche da bugiardi patologici e sceneggiatori abusivi. Se la prima categoria è facilmente intuibile e individuabile, sappiate che la seconda, quella degli sceneggiatori abusivi, è un gradino più in alto dei bugiardi patologici perché gli uomini portatori di tale talento artistico non si limitano alla semplice bugia ma costruiscono dei veri e propri film su situazioni mai esistite, fatti mai accaduti, persone mai bene identificate. Amano edulcorare così tanto la realtà che alla fine non sai più cos’è vero e cosa non lo è.

Infine, possibilmente da tenere alla larga il perfettino pignolo rompiscatole (tipo il personaggio di Carlo Verdone, Furio, del film “Bianco Rosso e Verdone“, tanto per intenderci) che in genere provoca isteria e nevrosi, oltre che esaurimento nervoso. E ancora: l’ipocondriaco, quello che ha tutte le malattie del mondo, crede che tu abbia tutte le malattie del mondo e ha una stanza di casa adibita a farmacia. Se sapete quanto sia pesante sopportare quasi la totalità dei maschi quando si ammalano (anche per una semplice febbre o un semplice mal di gola), pensate cosa potrebbe significare vivere con un ipocondriaco…

photo credit: dennis via photopin cc