Gli uomini sul proprio posto di lavoro sono un ostacolo o possono rappresentare qualcuno da cui imparare per la carriera? A fronte di alcuni dati che parlano chiaro la domanda è legittima: le donne studiano di più e con migliori risultati, ci sono sempre più donne impiegati a diversi livelli nel mondo del lavoro, tuttavia ai vertici ce ne sono davvero poche. Alcune ricerche spiegano il perché di questo fenomeno: la maggior parte delle donne non agisce come gli uomini e questo le penalizza.

Ecco quindi alcuni degli atteggiamenti che possono essere appresi dagli uomini e permettono di fare carriera. Una delle cose fondamentali che ogni donna dovrebbe imparare è credere in se stessa, credere di aver fatto un buon lavoro, attribuire a se stessa la riuscita in qualcosa e non a fattori esterni. Si tratta di un fenomeno psicologico molto diffuso e consiste nel sentirsi un continuo bluff, soprattutto quando si raggiunge il successo, e si teme di essere scoperte. Ma in realtà il bluff non esiste, è tutto nella mente di chi soffre per questo fenomeno, per cui l’autostima è fondamentale per sfondare.

Inoltre, va da sé, come corollario a quanto detto sopra, bisogna guadagnare maggiore visibilità, magari attraverso uno sponsor o un mentore. Per una donna certi processi sono molto difficili sul posto di lavoro, e solitamente è consigliabile che queste figure siano rivestite da uomini: le donne sono un po’ troppo competitive tra loro per permettere che certi processi vadano a buon fine. Poi bisogna essere coraggiose e non aver mai paura di chiedere. Non si tratta di mere informazioni, che pure conservano certe remore nel chiedere, ma soprattutto nel campo dei salari. Le donne sono pagate meno degli uomini anche perché non hanno grande spirito di negoziazione: qualcosa (o qualcuno) che sembra valere poco, darà in effetti non solo l’impressione, ma varrà effettivamente poco. Almeno nel mercato del lavoro.

Infine bisogna limare la propria emotività: essere sensibili nei confronti degli altri va anche bene, ma non per questo bisogna esordire con delle frasi infelici che mostrano solo il fianco, le proprie insicurezze e fragilità. Analogamente non si deve chiedere scusa per chi si è e per quello che si è riuscite a costruire: gli uomini non lo fanno mai. E anche dopo essere arrivate in cima, bisognerà comunque lavorare duro anche sulle relazioni: i vertici richiedono anche in tal senso una posizione di responsabilità.

Fonte: Huffington Post