Le uova sono alimenti soggetti a diversi metodi di cottura; a ogni tecnica di cottura corrisponde una ricetta unica e inconfondibile.

I metodi di cottura più famosi sono quelli per realizzare le uova sode, le uova alla coque, le uova strapazzate, in camicia o all’occhio di bue. Una volta cotto l’uovo, si possono preparare svariate ricette veloci ma gustosissime.

Per rassodare l’uovo bisogna adagiarlo in fondo a un tegamino, che va riempito di acqua fredda. Si deve cuocere il tutto a fiamma moderata; raggiunta la bollitura si deve lasciar cuocere l’uovo per altri dieci minuti. Una volta trascorso il tempo necessario, si dovrà raffreddare l’uovo usando acqua fredda e poi lasciarlo riposare in modo tale che l’acqua stessa penetri sotto il guscio, favorendone il distacco. L’uovo sodo permette di ottenere tuorlo e albume ben cotti.

Con le uova sode è possibile realizzare un bel piatto di spaghetti. Per quattro persone, occorrono 4 uova sode, 400 grammi di spaghetti, aglio, prezzemolo e pepe. Basta far soffriggere le uova con l’olio e gli altri ingredienti in un saltapasta. Una volta scolati gli spaghetti, aggiungerli al soffritto e amalgamare ancora un po’. Il piatto è subito pronto.

Per preparare l’uovo strapazzato, bisogna sciogliere l’uovo in un piatto assieme a sale e, a piacere, pepe. In un pentolino antiaderente si deve mettere un po’ d’olio o una noce di burro e versare poi l’uovo. Agitare con un cucchiaio di legno a fuoco moderato, fino a che tutto non si sarà rappreso. Le uova strapazzate possono essere protagoniste di numerose ricette molto veloci. L’uovo strapazzato, infatti, si può unire a qualsiasi tipo di condimento. ad esempio, si può realizzare un soffritto di verdure miste su, cui, a fine cottura, gettare le uova da strapazzare. Oppure si può far rosolare un po’ di pancetta a cubetti, aggiungere le uova e strapazzare il tutto.

L’uovo in camicia va preparato riempiendo di acqua salata un tegame basso e largo. Non appena l’acqua bolle, bisogna abbassare il fuoco del fornello al minimo. A quel punto si rompe l’uovo in un piattino e lo si lascia scivolare nel tegame con l’acqua. Farlo cuocere per circa 3-4 minuti, fino a che la chiara, solidificandosi, non avrà coperto anche il tuorlo. Le uova in camicia, accompagnate ad altri ingredienti, possono essere un piatto unico facile da preparare. Le uova in camicia con pomodoro e formaggio si preparano in pochi minuti. Bisogna preparare le uova in camicia come già descritto, toglierle dal fuoco e lasciarle raffreddare. In una padella a parte far cuocere il sugo di pomodoro con un cucchiaio d’olio. Aggiungere l’uovo in camicia, spolverare tutto con il parmigiano e ripassare in forno.

Per l’uovo all’occhio di bue, si deve procedere in questo modo: versare in un tegamino antiaderente un po’ di olio e lasciarlo scaldare. Rompere un uovo in un piattino e farlo scivolare nel tegame. Con un cucchiaio di legno bisogna muovere l’albume per facilitare la cottura, che sarà terminata solo quando il bianco sarà ben rappreso e il tuorlo ancora morbido. Per un piatto unico, ricco e goloso, basta fare le uova all’occhio di bue; a parte cuocere le verdure (patate, melanzane, peperone, zucchine, carote) con un po’ di olio, aglio e sale e facendo soffriggere per bene. Impiattare unendo verdure e uova.

Infine, non può mancare l’uovo alla coque, da gustare da solo, in tutta la sua semplicità. Bisogna riempire un pentolino di acqua fredda leggermente salata. Quando l’acqua sarà giunta a ebollizione, bisogna mettere con cautela l’uovo nel pentolino e cuocerlo per cinque minuti a fuoco moderato. Servirlo nel portauovo e gustare con il cucchiaino: piacerà molto soprattutto ai bambini.