La conferma arriva stamattina dal profilo Facebook della Maison: la collaborazione fruttuosa “dei” Valentino (come vengono chiamati dagli addetti ai lavori) finisce qua. Erano rumor sì, ma decisamente insistenti, quelli che indicavano Maria Grazia Chiuri prossima a lasciare le redini dell’atelier di Piazza Mignanelli. E ora è sicuro, Pierpaolo Piccioli resta solo.

Come confermato a Wwd dalla casa di moda controllata da Mayhoola for Investments, la stilista “inizierà una nuova esperienza professionale“: adesso resta da vedere se sarà veramente al timone di Dior, prima donna nella storia, o se in questo caso le voci erano solo un’abile strategia di marketing. Dopo 25 anni passati al fianco di Piccioli, la Chiuri si è detta pronta a iniziare “una nuova sfida professionale“. “Con Pierpaolo ho condiviso una grande parte della mia vita lavorativa costellata da molti successi raggiunti insieme“, ha spiegato la stilista.

A Piccioli, con il quale la stilista romana ha presentato ieri a Parigi l’ultima collezione di Haute Couture ispirata a Shakespeare, il compito di traghettare Valentino verso nuovi orizzonti. Certo è che il duo stilistico, affiancato dall’esperienza dell’ad Stefano Sassi, ha spinto la griffe verso il miliardo di ricavi, rendendolo in una manciata di stagioni, uno dei brand più solidi nel panorama del fashion. “Tutto quello che abbiamo raggiunto in questi anni sarebbe stato impossibile senza il talento, la determinazione e la visione di Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli. Ora per il brand inizia una nuova, entusiasmante fase sotto la guida di Piccioli. L’azienda è determinata a continuare il processo di sviluppo e di affermazione iniziato negli ultimi anni“, ha dichiarato Sassi. “Valentino e le persone con le quali lavoro sono una parte fondamentale della mia vita. La mia decisione di portare avanti la direzione creativa di questa maison è spinta dalla forte passione che guida il mio lavoro e dal desiderio di continuare a esprimere qui la mia visione stilistica“, ha detto Piccioli a ‘Wwd

Cosa accadrà? Staremo a vedere. Soprattutto capiremo ora a chi si sono dovute alcune scelte anziché altre: borchie, fiorellini, camuflage, che fine faranno? Già, perché compagni sui banchi di scuola dello Ied di Roma prima, partner creativi per 10 anni nella scuola di Fendi poi, Chiuri e Piccioli sono insieme da 25 anni. Furono scelti nel 1999 da Valentino Garavani in persona per dare nuova linfa alla sua linea di accessori.

Lo stilista li tenne sotto la sua ala fino al passaggio di testimone, avvenuto nel 2008, quando furono chiamati a sostituire Alessandra Facchinetti come direttori creativi delle linee Donna, Uomo e Haute Couture. Ora, prendono strade diverse, con la promessa di continuare il loro “cammino artistico individualmente“. A noi, capire dove approderà questo cammino e attraverso quali percorsi.