Il pubblico lo stima e i vip lo temono: uno dei più apprezzati inviati di “Striscia la notizia” è Valerio Staffelli.

Il povero giornalista ne ha prese di porte in faccia, soprattutto da coloro che non avevano accettato di buon grado il “Tapiro d’oro” o magari non riuscivano a stare allo scherzo.

In compenso è molto seguito dagli italiani, i quali lo considerano quasi un eroe televisivo dei tempi moderni, idealizzandolo con mantello e “S” sul petto. L’inviato del programma di Antonio Ricci ci sorride su e spiega che un eroe che gli assomiglia sarebbe invece Don Chisciotte, e non il solito Superman:

Più che Superman mi sento Don Chisciotte, come lui sono un po’ cialtrone e poi non ho neanche la cabina per cambiarmi e schizzare via al volo. Non conosco effetti speciali, faccio ridere e basta. Però sento spesso: ‘Bisognerebbe dirlo a Staffelli’

Nonostante i duri colpi ricevuti dagli intervistati, il lavoro porta a Staffelli tantissime soddisfazioni. Da un punto di vista romantico, il mestiere del giornalista consiste nel mettere in risalto fatti e avvenimenti, portando la conoscenza dell’attualità alle persone:

Non penso che oggi ci sia un lavoro per me che possa procurarmi tanta gioia. Dare voce a chi non ce l’ha, smascherare i malfattori, ottenere giustizia. Il tutto conoscendo ogni giorno gente diversa.

Oltre a Striscia, Valerio Staffelli è molto richiesto sulla carta stampata vista la recente collaborazione con il quotidiano Leggo:

Abbiamo cominciato con una pagina, ma poi le richieste di intervento erano talmente tante che mi hanno raddoppiato lo spazio. Mi arrivano cinquecento email al giorno in redazione e quasi tutte sono segnalazioni importanti.