I cittadini italiani, e soprattutto i capitolini, sono furiosi nei confronti del vandalo che ha tentato di “sfregiare” due fontane romane: la fontana del Moro di piazza Navona, gravemente danneggiata, e la famosissima fontana di Trevi, che per fortuna non ha subito gravi danni.

Secondo le autorità che hanno visionato i video delle telecamere a circuito chiuso della zona, si tratterebbe di un uomo di 45 anni, ora ricercato dai vigili urbani per aver commesso il reato di “atti vandalici“. Contro la fontana del Moro, il vandalo seriale ha lanciato un sasso colpendo uno dei quattro mascheroni e danneggiandolo irrimediabilmente.

Galleria di immagini: Fontana del Moro danneggiata

Quanto alla fontana di Trevi, già oggetto di atti dimostrativi da parte di “FTM Azione Futurista” che nel 2007 colorò l’acqua di rosso, non vi son stati danni: l’uomo ha provato a lanciare un sanpietrino contro le statue ma il sasso è sprofondato in acqua. Dopo aver catturato l’attenzione di vigili e passanti, il vandalo è fuggito ed è attualmente è ricercato.

Oltre al disagio di cittadini e turisti, già si destano polemiche in Parlamento contro il Sindaco di Roma Gianni Alemanno. Giancarlo Galan, ministro Ministro per i Beni e le Attività Culturali, ha già promesso di inasprire le sanzioni contro chi commette atti vandalici:

“Chiederò pene più severe nel primo Consiglio dei Ministri, perché in Italia nessuno ha mai scontato un giorno di galera per danneggiamento dei beni culturali, ciò che di più importante l’Italia ha.”

Fonte: La Stampa