L’Agenzia del Territorio ha comunicato che, per la presentazione delle domande di variazione catastale degli immobili rurali, possono essere utilizzati i modelli già approvati, in attesa che sia emanato il nuovo decreto ministeriale attuativo. Decreto che stabilirà anche le modalità da seguire per inserire negli atti catastali la sussistenza del requisito di ruralità degli immobili stessi. Non cambia, comunque, il classamento originario degli immobili rurali ad uso abitativo.

La comunicazione dell’Agenzia del Territorio ha inteso facilitare gli adempimenti a carico dei soggetti interessati dal censimento delle costruzioni rurali, per quanto attiene alla presentazione delle domande di variazione catastale, il cui termine è fissato al 30 giugno 2012.

Come già noto, i fabbricati rurali, in base alle disposizioni dell’art. 6 del R.D.L. 13 aprile 1939, n. 652, erano in origine estranei alla disciplina del nuovo Catasto edilizio urbano. Ma con il D.M. 2 gennaio 1998, n. 28, sono state uniformate le modalità di dichiarazione delle costruzioni rurali a quelle già previste per gli immobili urbani dal regolamento di formazione del Catasto edilizio urbano e dalle normative successive.

Attualmente, per quanto riguarda i requisiti per il riconoscimento del carattere di ruralità degli edifici ai fini fiscali, le disposizioni principali sono costituite dal D.L. 30 dicembre 1993, n. 557 e dal T.U.I.R., naturalmente sempre con riferimento agli interventi del legislatore successivi alla loro emanazione. Precisiamo che le disposizioni del T.U.I.R. riguardano solo alcuni aspetti del tema in oggetto.

Sul tema sembrano avere molta importanza le disposizioni indicate dal D.P.R. 23 marzo 1998, n. 139, che rimanda al D.M. n. 28/1998, che disciplina anche le modalità di censimento delle costruzioni rurali e di quelle per le quali sono venuti meno i requisiti per il riconoscimento del carattere di ruralità. Tuttavia di recente è intervenuto l’art. 2, comma 36, del D.L. 3 ottobre 2006, n. 262, con il quale sono state introdotte altre condizioni sui requisiti da verificare per normalizzare la situazione catastale degli imprenditori agricoli.