Un sogno che la maggior parte delle persone ha segretamente da anni ma che davvero in pochi avrebbero il coraggio di realizzare: il giro del mondo. E ancora un’impresa più grande è quella di partire in solitudine, senza alcuna compagnia, decidendo di affrontare mesi e mesi di dure difficoltà.

È il caso di Jessica Watson, che da metà ottobre ha intrapreso un lungo viaggio in vela, sebbene sia alle sue prime esperienze di navigazione per gli Oceani.

La skipper australiana è partita da Sidney: circa un mese fa aveva passato il “Point Nemo”, ovvero il punto nel mare più lontano da qualsiasi terra, percorrendo in totale circa 10.000 miglia e raggiungendo appena la metà del suo percorso di viaggio. Oggi ha superato le insidie di Capo horn, doppiandola. Ad annunciarlo è il suo portavoce, Andrew Fraser, come riporta il sito dell’Ansa.

Nei 40 ruggenti, dove si trova ora, fa sempre più freddo: la temperatura esterna è di circa 14°, mentre quella dell’acqua di 11°.

Il suo sogno? Quello di diventare la più giovane ragazza (ha appena 16 anni) a completare la circumnavigazione della terra da sola, in vela.

E voi, fareste mai una scelta del genere?