Lungo e impalpabile, oppure corto e asimmetrico? Il velo da sposa è un accessorio molto amato dalla maggior parte delle donne, che per il giorno delle nozze desiderano essere perfette in ogni dettaglio, senza tuttavia cadere nella banalità.

Ogni location, tuttavia, ha le sue regole, e sebbene non si tratti di vincoli ferrei, generalmente il classico velo molto apprezzato in chiesa è sostituito da un cappello nella cerimonia in municipio, dove d’altra parte si può osare un po’ di più proponendo mise originali e stravaganti.

Galleria di immagini: Velo da sposa

Nato come copertura della giovane sposa verso gli occhi indiscreti, e maligni, di un possibile amore del passato, il velo da sposa è successivamente diventato un vero e proprio simbolo del matrimonio, e della sposa classica. Esistono tuttavia alcune regole alla base della scelta del velo, o meglio canoni fashion che rappresentano ancora oggi uno strumento fondamentale per le future spose.

Per quanto riguarda il tessuto, ad esempio, vige la regola dell’opposto, vale a dire che se l’abito da sposa è realizzato in pizzo, il velo non deve esserlo, e viceversa, in modo tale da non rendere la mise troppo leziosa o, al contrario, troppo piatta.

Anche il velo corto, lungo fino alle spalle, sembrerebbe più adatto a un abito nuziale corto e giovanile, dal taglio moderno. Molto dipende, tuttavia, anche dall’altezza della donna che lo indossa, che se è troppo alta rischia di appesantire l’effetto generale. Il velo lungo, che può raggiungere anche tre metri, sul davanti arriva a coprire il seno e si adatta perfettamente a una cerimonia classica e solenne.

È tuttavia fondamentale ideare una pettinatura che sia in linea con la tipologia di velo scelto, e che aiuti a sostenerlo senza creare problemi alla sposa. Esiste anche la possibilità di applicare il velo sulla nuca, o più in alto, soluzione molto elegante che dà la possibilità di creare un’acconciatura elaborata e certamente non banale.

Una soluzione alternativa al velo è data dal cappello, molto usato anche nei decenni passati sebbene inizialmente adottato solo da donne mature, oppure da chi si sposava in seconde nozze. Oggi questo accessorio è invece considerato un vero e proprio trend, da preferire per le cerimonie che si svolgono al mattino, rigorosamente mai in chiesa, e preferibilmente pendant con un vestito abbastanza sobrio e privo di strascico.

Un’altra possibilità di grande effetto visivo, è data dal velo a mantilla, ispirato alla tradizionale mantilla iberica e molto elaborato nella texture. Per un risultato davvero sorprendente e inedito, è consigliabile applicare questo tipo di velo sulla nuca con il pettine chiamato peineta. Il successo è assicurato.