L’ultimo appuntamento con “Vieni via con me” non ha deluso le aspettative e ha offerto di nuovo un sacco di spunti di riflessione. Tra gli ospiti della puntata ci sono stati il premio Nobel Dario Fo, la conduttrice di “Report” Milena Gabanelli, il comico Antonio Cornacchione e gli interventi musicali di Elio e le Storie Tese, Francesco De Gregori e Daniele Silvestri, oltre agli immancabili e ancora una volta imperdibili monologhi di Roberto Saviano. In diretta, Fabio Fazio ha anche annunciato la triste scomparsa del regista Mario Monicelli, morto suicida all’ospedale San Giovanni di Roma.

La puntata è stata come al solito seguitissima, con 8.668.000 telespettatori (share del 29,17%) e picchi da 19 milioni, inferiore però ai 9 milioni della terza puntata che mantiene quindi il record d’ascolti assoluto per Rai Tre.

Roberto Saviano nel primo dei suoi monologhi di ieri sera ha parlato del terremoto a L’Aquila:

La casa dello studente era fatta male, è il simbolo della condotta criminale di chi costruisce senza rispettare le regole.

La conduttrice di “Report” Milena Gabanelli ha letto, non senza ironia, l’elenco delle cause che incombono sul suo programma:

Il totale, per ora, è di 251 milioni di euro.

Terminata l’esperienza di uno dei programmi di maggior successo dell’anno, cosa succederà adesso? Il capostruttura di Rai Tre nonché responsabile del programma Loris Mazzetti si augura di far tornare la trasmissione di Fabio Fazio e Roberto Saviano in primavera. Ma forse il suo è destinato a rimanere solo un sogno:

Tra dieci giorni nessuno si ricorderà di “Vieni via con me”. Visto il successo, non doveva finire dopo quattro puntate, l’intenzione di Rai Tre è di farne altre quattro, magari in primavera, speriamo che anche i vertici aziendali la pensino così.