Una storia d’altri tempi che commuove per la delicatezza, un esempio di sentimenti onesti che possono sovrastare la follia che una vincita improvvisa e inaspettata potrebbe procurare. A raccontarcela è il The Chronicle Herald che ha raccolto le parole di Violet Large e di suo marito Allen, coppia ultra settantenne canadese, a luglio vincitrice di 11,3 milioni di dollari alla lotteria.

Una condizione che avrebbe scosso l’esistenza di chiunque, ma non la vita dei due sposati da più di 35 anni, impegnati in una lotta molto più ardua: sconfiggere il cancro che ha colpito Violet.

La vincita inconsueta ha richiamato l’attenzione di amici e parenti, sepolti nel dimenticatoio e nel tempo, che non hanno mostrato imbarazzo nel richiedere prestiti di vario genere.

Ma si sono trovati di fronte all’evidenza dei fatti: Violet e Allen hanno donato quasi tutto in beneficenza, trattenendo per sé e per i familiari solo il 2% della somma. Giusto il necessario per i momenti difficili e per le cure che ancora dovranno affrontare.

Il resto è stato consegnato, attraverso donazioni, ai vigili del fuoco locali, chiese, cimiteri, la Croce Rossa, l’Esercito della Salvezza, gli ospedali di Truro e Halifax, dove Violet è in cura per il suo trattamento contro il cancro, e diverse organizzazioni che lottano per sconfiggere i tumori, l’Alzheimer e il diabete.

La coppia ha lavorato un’intera vita per concedersi una pensione tranquilla. Quello che preme a entrambi è recuperare la salute di Violet per concedersi finalmente un po’ di serenità.

Come sostiene la moglie:

Quello che non hai mai avuto, mai ti mancherà.

E il marito Allen ha confermato:

I soldi vinti non contano molto; noi abbiamo noi due.

Ricordiamo che in Italia novembre è il mese per la ricerca sul cancro, organizzato dall’Airc, e sul sito potrete tutte le informazioni e le iniziative in programma.