Dopo fontana del Moro di Piazza Navona e la suggestiva fontana di Trevi, tornano nuovi atti vandalici nella Capitale. Questa volta è toccato alla statua dell’artista Oliviero Rainaldi, raffigurante Papa Giovanni Paolo II e situata vicino la stazione Termini a Roma.

L’opera, inaugurata a maggio scorso, è stata violata con una scritta che presenta una stella nera a cinque punte. I responsabili di un simile gesto ancora non si conoscono, e non si sa neppure se sia stata una cosa voluta o una stupida bravata.

Galleria di immagini: Statua Papa Wojtyla

La statua di Rainaldi sin dalla sua inaugurazione, aveva in realtà suscitato non poche perplessità da parte di chi, fedeli e non, riteneva l’immagine non del tutto simile a quella del vero Papa Giovanni Paolo II, recentemente proclamato beato.

Adesso bisognerà capire i motivi di tale gesto e trovare i responsabili. Intanto l’assessore alle Politiche Culturali e al Centro Storico capitolino, Dino Gasperini, fa sapere che già da domani un restauratore provvederà alla cancellazione della stella, mentre il sovrintendente ai beni di culturali di Roma, Umberto Broccoli, dichiara:

«Ringrazio le unità operative del decoro urbano, la polizia Roma Capitale e il servizio controllo e monitoraggio della sovrintendenza, che si è rivelato efficace ancora una volta per la tutela delle opere d’arte. Come hanno dimostrato le immagini riprese dalle telecamere della sala sistema Roma, immediatamente consegnate alla Polizia Scientifica e alla Polizia Roma Capitale, quello operato ai danni della statua è un atto vandalico che, compiuto in meno di due secondi, viene recuperato con interventi accurati i cui costi gravano sulle casse di Roma Capitale e, dunque, sulle tasche dei cittadini».

Fonte: La Repubblica