Parliamo sempre del tuo bimbo, mamma, ma oggi vogliamo parlare un po’ di te.

Presa da mille impegni, non ti accorgi neppure di essere stanca, che forse stai esagerando. Se non stai attenta, tu finirai esaurita e il tuo bimbo potrebbe uscirne distrutto. Se sei una casalinga con il problema di tenere a bada la noia e la solitudine, oppure lavori e devi concentrare tutto nel tempo libero, è molto importante rallentare i ritmi per trovare un sano equilibrio. Fermati un po’!!!

Perché lo fai?

Forse temi che tuo figlio possa annoiarsi, perché potrebbe essere successo a te quando eri piccola e vuoi che per lui le cose vadano diversamente. Se sei mamma per la prima volta, ti stai abituando ai nuovi tempi che impone un bambino. Ti mancano i ritmi frenetici del lavoro e cerchi di riempire il tempo, perché non sei abituata a stare in casa tutto il giorno.

Inoltre, c’è anche in gioco anche una competizione con le altre mamme, che ti fa sentire brava se offri a tuo figlio il maggior numero possibile di opportunità. Poiché la nostra società non dà molta importanza al ruolo di mamma, puoi sentirti anche molto sola. Quando tuo marito o il tuo compagno torma a casa dal lavoro, vuoi avere qualcosa di interessante da raccontargli, non soltanto: ”Abbiamo giocato con il trenino” o ”Abbiamo guardato la televisione”. Però, non per questo devi vivere sotto pressione ogni giorno.

Quali rischi ci sono?

Il bambino deve avere del tempo libero da stimoli, per assimilare ciò che ha visto, sentito e sperimentato. Il pericolo di una stimolazione eccessiva è che il piccolo ad un certo punto possa rifiutarla. Impara a valutare ciò che accade intorno a lui: accetterà più volentieri le cose che gli vengono presentate rispettando i suoi ritmi, al posto di esperienza imposte.

Se è assorbito da troppe attività, tuo figlio la sera sarà distrutto dalla stanchezza. Se la tua giornata è stata fitta di impegni e ti senti stressata, anche lui andrà a letto stanco, avrà difficoltà a riposare bene la notte e il giorno dopo sarà più scontroso.