La concezione di coppia sta cambiando. E non solo perchè ormai esistono tutta una serie di sfumature differenti dalla classica dicotomia di genere, ma anche perchè stanno evolvendo le persone in quanto singoli individui.

Insomma, in poche parole, le fiabe, il principe azzurro, il lieto fine e i film passionali non esisteranno più; o meglio, avranno tutto un altro sapore. Il romanticismo non sarà più rappresentato da un mazzo di fiori, ma dalla consapevolezza di come programmare una lavatrice da parte di entrambi i componenti della coppia, così come dalla libertà che ognuno deciderà di concedere all’altro. State già pensando a qualche orgia?!? No, vi fermo subito, la direzione non è propriamente quella.

Almeno non secondo il sito di incontri EliteSingles e il futurologo (!??!) austriaco Prof. Reinold Popp, che sulla base di un nuovo studio condotto proprio dal sito di dating online hanno stilato le 8 tendenze delle coppie moderne destinate a diventare “usuali” in un non meglio identificato futuro prossimo:

  1. le singole persone saranno più esigenti, dunque pretenderanno molto dall’entità-coppia, preferendo la singletudine ad eventuali compromessi troppo “compromessi” (la cacofonia è voluta); insomma due persone staranno insieme solo e soltanto se il risultato sarà qualcosa di vantaggioso e veramente piacevole per entrambi
  2. l’indipendenza sarà fondamentale: la libertà dei singoli individui della coppia sarà il requisito primario per star bene in due; no al “vivere per un altro”, decisamente sì al “vivere prima di tutto per se stessi”, con obiettivi individuali da raggiungere
  3. la terapia di coppia sarà la norma, per imparare a comunicare e a trovare il famigerato equilibrio di coppia
  4. la convivenza sarà quasi bandita come obsoleta e tradizionale (pensate a quanto moderna fosse soltanto qualche anno fa!), a favore dell’indipendenza e della libertà di ciascun individuo (anche se in coppia appunto)
  5. il matrimonio sarà una libera scelta, dettata dal desiderio e dall’amore, e non più una semplice convenzione sociale a cui aggrapparsi per non venire giudicati o per non rimanere soli (non dovrebbe già essere così?!?)
  6. in pochi crederanno ancora alla persona dei sogni, cioè a “quello giusto” per dirla alla femminile maniera; saremo tutti consapevoli di andare incontro a diversi partner di vita (spero non contemporaneamente, perchè in quel caso dovremmo parlare di poliamore)
  7. essere single non avrà più una scadenza: oggi, soprattutto se sei donna, quando intorno ai 30-40 anni non hai ancora figliato, i commenti in stile “poveretta”, si sprecano…figurati se in più sei anche single! In futuro invece, essere single, anche se donne e anche a 50 anni, non sarà più un tabù nè una brutta malattia, ma semplicemente una libera scelta di vita
  8. gli incontri online saranno il metodo “tradizionale” per conoscersi. E pensare che i pionieri del dating online come la sottoscritta, sono stati additati come alieni per anni! Eppure la persona giusta (o le persone giuste, visto il poliamore differito di cui sopra) potrebbe non trovarsi nella ristretta cerchia di colleghi e amici che si frequentano quotidianamente: quale modo migliore dunque per trovare l’affinità vera, se non quello di cercarla potenzialmente sull’intero pianeta Terra in tempo reale?!?

Che impressione vi fanno queste presunte qualità dell’amore futuristico?!? Personalmente se da una parte vedo in queste previsioni la speranza di un buon senso più evoluto e sviluppato, attento soprattutto (così come predicato dagli psicologi) alla singola persona prima di tutto, dall’altra ci leggo qualcosa di freddo e distaccato. Sono d’accordo sul fatto che il concetto di romanticismo potrebbe non essere più sinonimo di amor cortese, tuttavia alcuni punti mi sembrano un po’ troppo estremizzati. Ok agli obiettivi individuali, ok alla libertà e all’indipendenza, ma l’amore porta con sè qualcosa di irrazionale e in fondo bellissimo che suona un po’ come “darei la mia vita per te”. Senza questo a cosa si ridurrebbe? A semplici reazioni chimiche?!?

Dunque, io penso come sempre che la verità stia nel mezzo: evolviamoci pure, ma io farei attenzione a non perdere di vista il valore dell’Amore. Perchè, a mio modesto parere, ritrovarci senza potrebbe avere il sapore di una realtà pericolosa. Fredda. E decisamente poco accogliente. Single sì. Ma soli decisamente no.

(foto by InfoPhoto)