Un programma di approfondimento tutto per Vittorio Sgarbi, o quasi. Smessi gli abiti di opinionista, il critico d’arte pare farà parte di una nuova trasmissione di Rete 4, accanto al comico Francesco Salvi, dal titolo “Sgarbi Salvi l’Arte“.

Il titolo è un buffo omaggio a entrambi i conduttori, che paiono un accoppiata quanto meno inusuale: ma tant’è, evidentemente a Mediaset vogliono correre il rischio e, secondo il guru della televisione Davide Maggio, questa trasmissione sarebbe la risposta del biscione a “Annozero”.

La novità assoluta è che rivedremo Sgarbi nei panni “vecchi” di critico d’arte, assolutamente il ruolo che più gli si addice, data la sua grande cultura. Negli ultimi anni l’ex assessore alla Cultura di Milano ci aveva abituati comunque al suo pensiero, ma molto spesso questo era diventato motivo di litigio acceso con altri.

Sgarbi ritorna in TV dopo molti anni, se eccettuiamo le ospitate, il suo ultimo programma era stato “Sgarbi quotidiani“. Ma anche Salvi era rimasto lontano dalle scene televisive, dopo “La fattoria 3” e l’interpretazione di alcuni personaggi in fiction per la Rai.

Secondo Maggio, il programma sarà testato prossimamente, per poi venire avviato in pompa magna il prossimo autunno. Si conta sul personaggio controverso rappresentato da Sgarbi, che solitamente riesce ad accentrare molta attenzione su di sé. Staremo a vedere se gli autori di Mediaset ci hanno visto giusto e, soprattutto, se il pubblico è pronto al ritorno televisivo del critico d’arte.