Siete maniache del lavoro? Senza nemmeno che ve ne siate rese conto, vi siete accorte di non avere più una vita all’infuori delle mura dell’ufficio? Pensate continuamente alle questioni professionali anche oltre l’orario? Ecco qualche indizio per capire se avete superato il limite e come fare per rimediare a questa situazione.

Se il lavoro è una parte importante della vostra vita, non c’è niente di male. Ma se il lavoro si è inghiottito tutto il resto della vostra vita, allora potrebbe essere un problema. Secondo un recente studio britannico condotto su oltre 2 mila lavoratori, chi lavora per almeno 11 ore al giorno è molto più predisposto alla depressione rispetto a chi lavora tra le 7 e le 8 ore quotidiane. Come capire quindi se siete diventate delle vere e proprie “workaholics“? Vediamo quali sono i campanelli d’allarme più preoccupanti.

Se passate un’intera settimana senza avere conversazioni o contatti con persone che non sono collegate al vostro lavoro, oppure ad altri lavori (come il ragazzo che consegna le pizze), significa che dovreste cominciare a preoccuparvi. Attenzione anche se non trascorrete tempo all’aria aperta, a eccezione di eventi collegati all’ambito professionale, oppure se non ricordate l’ultima volta che avete fatto una passeggiata per il semplice gusto di farla e non per raggiungere l’ufficio o un appuntamento di lavoro. Non ricordate poi nemmeno l’ultima vacanza che avete fatto? I viaggi di lavoro ovviamente non sono da prendere in considerazione.

Se molti dei punti di cui abbiamo parlato vi suonano estremamente familiari, significa che il lavoro potrebbe occupare una posizione troppo predominante all’interno della vostra vita. Cosa fare per rimediare? Vi proponiamo una serie di suggerimenti.

Innanzitutto, cercate un miglior equilibrio tra lavoro e vita personale. Cercate inoltre di condurre abitudini sane e regolari: bevete molta acqua, dormite a sufficienza senza stressarvi troppo per le questioni lavorative, mangiate cibo sano e fate attività fisica. Meglio prendersi una pausa e fare un break. Se non riuscite ad avere un’ora tutta per voi per sdraiarvi al sole o fare una passeggiata, cercate di fare almeno una pausa di 15 minuti all’infuori dell’ufficio per fare qualcosa che non abbia nulla a che fare con le mansioni lavorative; va bene anche telefonare a un amico, ascoltare un po’ di musica o fare un giro in libreria.

Un altro consiglio è poi quello di spegnere il cellulare aziendale, almeno per qualche ora. Se le chiamate agli amici vanno bene, essere sempre reperibili e connessi al lavoro ogni secondo può essere nocivo. Chiedete inoltre ai colleghi di chiamarvi o mandarvi messaggi solo se strettamente necessario e urgente. E, soprattutto, cercate di non pensare al lavoro 24 ore su 24.

Fonte: MSN Careers