Sei stufa di un lavoro sotto padrone? Vuoi metterti in proprio avviando un’attività come freelance? Ecco una serie di consigli su cosa fare per iniziare e per trarre vantaggio da questa opportunità lavorativa, presa in considerazione da un numero sempre maggiore di donne, soprattutto in quest’ultimo periodo di recessione economica.

Chi opta per un lavoro da freelance preferisce l’indipendenza agli ordini di un capo o alle rigide norme aziendali: l’opportunità è particolarmente interessante, ma allo stesso comporta alcuni rischi. Vediamo quindi alcuni consigli su come fare a prendere in mano le redini della propria carriera professionale.

Lavorare come freelance oggi è diventato sempre più facile, grazie alle possibilità offerte dalla rete che non implicano più una presenza obbligatoria e costante in ufficio o in un luogo fisso. Tra i consigli principali quando si avvia un’attività di lavoro come freelance, è preferibile comunque mantenere una propria stabile routine. Anche se non siete più sottoposte a orari rigidi dalle 9 di mattina alle 5 di pomeriggio, è bene comunque stabilire dei propri orari e delle proprie abitudini, che possono facilitare il lavoro. Decidete quindi voi quando fare una pausa, quando pranzare e quando svolgere le vostre mansioni, però cercate di trasformarle in un’abitudine. Se non stabilite delle regole con voi stesse e non avete un po’ di disciplina, la vostra carriera difficilmente riuscirà a decollare.

Una questione fondamentale quando si lavora come freelance è poi cercare di risparmiare il più possibile. A differenza di un lavoro pagato con uno stipendio fisso, le entrate in questo caso sono variabili di mese in mese, di lavoro in lavoro, di contratto in contratto. Meglio quindi evitare spese superflue e cercare di non esagerare anche quando le cose sembrano andare economicamente per il meglio; ricordate che i mesi successivi si potrebbero rivelare meno fortunati da questo punto di vista.

Un altro consiglio è quello di cercare di lavorare a contatto con altre persone. Anche se non avete dei colleghi fissi come in un’azienda, potete comunque cercare di lavorare non sempre e non solo a casa, ma spostarvi ad esempio in un bar o in biblioteca; ormai la connessione wireless a Internet è infatti garantita in molti posti. La solitudine non è positiva per la vostra salute e felicità personale e inoltre la vicinanza con gli altri può fornirvi nuovi stimoli e spunti.

Infine, vi consigliamo di godervi i vantaggi del lavorare in maniera indipendente. Dopo l’entusiasmo iniziale, spesso molti lavoratori si prendono eccessivamente sul serio e dimenticano perché si sono messi in proprio. Cercate invece di sfruttare al massimo la situazione e, nel caso siate eccessivamente stressate, non esitate a prendervi qualche giorno tutto per voi stesse.

Fonte: CareerBright