Praticare Walking (o Walk Exercise) è l’attività più in voga quest’anno. Scoperto negli Stati Uniti e già praticato in Italia ed ha riscosso molto successo per la sua dinamicità. Quando si parla di walking intendiamo, tecnicamente, il perfezionamento della normale camminata.

Le classiche passeggiate ormai sono un ricordo. Con il walking in palestra abbiamo a disposizione un nuovo tapis roulant meccanico, che permette al praticante di dare movimento al nastro con la sola forza dei propri arti inferiori ed a differenza di quello elettrico, non fa abituare al noioso ritmo di passeggio impostato.

Le lezioni si svolgono in gruppo, e pare in tutto e per tutto un’escursione in montagna, in quanto il tappeto è leggermente sollevato dal piano d’appoggio. Al termine si possono conteggiare mediamente 400 calorie bruciate.

L’allenamento si struttura generalmente così: l’istruttore, dotato di microfono per parlare agli allievi, avvia la musica, partendo con un riscaldamento fatto di una “breve e tranquilla camminata” (2-3 minuti); poco dopo i ritmi vengono aumentati, e poi diminuiti nuovamente per recuperare fiato e forze. Il bello del walking è che non ci si limita alla semplice camminata o alla corsa, ma si eseguono anche divertenti esercizi per le braccia, si esegue lo step su e giù dal tapis roulant, passi brevi, lunghi e molto altro. Ovviamente il tutto alternato a momenti di camminata leggera, per il recupero e la distensione dei muscoli, e sorsi d’acqua per reidratarsi.

Insomma, la varietà di esercizi che permette di praticare questa attività rende tutta la lezione allegra e per nulla passiva, come con il classico tappeto elettrico. La propulsione meccanica permette invece di utilizzare tutta la nostra massa muscolare per dare letteralmente vita al nostro attrezzo per il walking.

Si suda molto, è vero, però la fatica è ripagata dalla sensazione di soddisfazione finale.