La longeva e fortunata saga cinematografica di Harry Potter si avvia al termine, con la seconda parte de “Harry potter e i Doni della Morte” in arrivo nelle sale nel luglio 2011. Escludendo l’ipotesi di un possibile prolungamento delle avventure per il mago di Hogwarts, vociferato più volte in passato, così come della sostituzione degli ormai celebri volti di Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint, Warner Bros. si troverebbe nella situazione di dover trovare una nuova figura capace di replicare il successo ottenuto da Harry Potter sul grande schermo.

La casa di produzione, stando alle parole del presidente Alan Horn riportate su BusinessWeek, avrebbe individuato in primis nel roster di personaggi DC Comics le figure su cui puntare per proseguire nel suo fruttuoso cammino di trasposizione cinematografica per le avventure tratte da romanzi o altre opere letterarie.

Green Lantern, Superman e Batman saranno i brand più forti dell’azienda, insieme all’adattamento su pellicola de “Lo Hobbit”, per il quale Warner Bros. e Metro-Goldwyn-Mayer hanno stretto una partnership con il regista Peter Jackson, finalizzata a portare su schermo gli ultimi due appuntamenti con la saga de “Il Signore degli Anelli” rispettivamente nel 2012 e 2013.

Certo è che replicare i numeri di Harry Potter non sarà semplice. I sette film prodotti fino a oggi hanno portato nelle casse di Warner oltre un miliardo di dollari, più di quanto abbiano fatto i sei episodi di Star Wars. La realizzazione de “I doni della morte: Parte 1”, ad esempio, ha richiesto un investimento pari a 250 milioni, ma secondo alcuni analisti avrebbe tutte le carte in regola per portare a un guadagno di 900 milioni.