In un weekend presumibilmente ancora dominato dal blockbuster “Harry Potter e i doni della morte – Parte 1″ e dal cinepanettone “A Natale mi sposo”, ci sono però alcune nuove uscite che potrebbero conquistarsi la loro fetta di pubblico: innanzitutto il nuovo di Woody Allen “Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni”, ma ci sono anche “Nowhere Boy” sugli anni da adolescente di John Lennon e gli spericolati di “Jackass 3D”.

Dopo il salto in Spagna con “Vicky Cristina Barcelona” e la sua Manhattan di “Basta che funzioni”, Woody Allen ritorna in Gran Bretagna, diventata per lui una seconda patria, dopo la riuscita trilogia composta da “Match Point“, “Scoop” e “Sogni e delitti”. Ora ci riprova con “Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni” che come al solito vanta un cast stellare: Naomi Watts, Anthony Hopkins, Josh Brolin, Antonio Banderas e Freida Pinto (“The Millionaire”). Un appuntamento quindi imperdibile per tutti i numerosi seguaci italiani del regista americano.

L’altro grande personaggio del weekend cinematografico è John Lennon. La pellicola “Nowhere Boy“, già presentata con successo al Torino Film Festival, racconta infatti gli anni dell’adolescenza dell’artista, prima che entrasse nei Beatles e con loro cambiasse per sempre la storia della musica pop, e non solo. Un tuffo in un periodo affascinante ma poco conosciuto del grande artista.

Possibile rivelazione del weekend sono poi i fracassoni e spericolati protagonisti di “Jackass 3D“, nuovo capitolo stavolta in tre dimensioni per Johnny Knoxville, Bam Margera, Steve-O e gli altri pazzi del programma cult di MTV. Negli Stati Uniti il film ha sbancato i botteghini: a fronte di un budget di 20 milioni di dollari se n’è portati a casa oltre 100.

Completano le uscite del weekend l’horror “L’ultimo esorcismo”, la commedia famigliare “Tre all’improvviso” con la nuova regina del genere Katherine Heigl (“Grey’s Anatomy”), l’interessante commedia british “We Want Sex” sul particolare sciopero di un gruppo di donne inglesi, il natalizio “Tornando a casa per Natale”, il film d’animazione francese “Mià e il Migù” e l’israeliano “Il responsabile delle risorse umane”.