Weekend di Pasqua 2018: cosa fare a Milano? Per la domenica santa e il lunedì dell’Angelo abbiamo qualche idea da suggerirvi.

Sta per iniziare un fine settimana di festa all’insegna della cultura: tante le strutture espositive che resteranno aperte nei giorni di Pasqua e che potranno anche essere visitate gratuitamente grazie all’ormai nota iniziativa ministeriale #domenicalmuseo.

Ad arricchire le proposte del weekend anche appuntamenti insoliti come quello che consentirà di sorseggiare un drink a bordo di un vero london bus, a spasso per le vie della città. E poi ancora ultimi giorni di mostre da non perdere, oltre a una proiezione speciale per ricordare e rivivere il mito indiscusso della cucina italiana, Gualtiero Marchesi.

Leggi anche: Weekend di Pasqua, cosa fare a Roma

Ecco allora gli eventi da segnare in agenda prima di decidere cosa fare a Milano nel weekend di Pasqua.

Domenica musei aperti (e gratuiti)

Nel fine settimana di Pasqua, Pasquetta compresa, molte strutture espositive della città rimarranno eccezionalmente aperte offrendo la possibilità al pubblico di visitarne le collezioni. Torna anche l’iniziativa #domenicalmuseo, che ogni prima domenica del mese consente di visitare gratuitamente moltissime sedi museali.

Per scoprire tutte le strutture che aderiscono all’iniziativa è possibile consultare il sito beniculturali.it.

Anche il Mudec che ospita la mostra “Frida Kahlo. Oltre il mito” resterà aperto domenica. Foto: courtesy press office

Ricordando Gualtiero Marchesi

Avrebbe compiuto 88 anni il 19 marzo e lo spazio Oberdan lo celebra con la proiezione speciale della pellicola a lui dedicata: Gualtiero Marchesi. The Great Italian, per la regia di Maurizio Gigola. Il film biografico sulla vita del grande chef da poco scomparso ripercorre i momenti salienti della sua vita privata e professionale. Milano, Firenze, Trieste, Venezia, fanno da sfondo ai luoghi degli incontri del maestro, le cucine dei suoi allievi si mostrano nell’esecuzione dei loro piatti, così come Gualtiero mostra e realizza i suoi piatti durante il corso del film.

Sabato e domenica alle ore 19. Spazio Oberdan, Viale Vittorio veneto 2. Biglietto 7,50 euro.

Foto: cinetecamilano.it

A spasso su un london bus

L’ormai storico pub Friends compie 18 anni e per l’occasione festeggia in grande: sabato e domenica, infatti, sarà possibile concedersi una birra appena spillata  a bordo di un vero bus londinese a due piani. I tour saranno due: uno alle 21,30 e l’altro alle 22,30 e ospiteranno un massimo di 28 persone.

Friends, Via Monte Santo 12. Costo 25 euro per un’ora di tour e due birre medie. Prenotazione obbligatoria.

Foto: iStock Photo

Passione Manga

Ultimo weekend per visitare  la mostra  Taiyō Matsumoto: Love is all you need, esposizione monografica che raccoglie cinquanta tavole originali del celebre maestro Manga. In mostra, fotografie in inchiostro e matita che rappresentano il fantasioso universo di Matsumoto, un mondo visto con gli occhi dei bambini ma che nasce anche per gli adulti e vive grazie ai momenti di esistenza quotidiana. Al centro, l’amore come unico bisogno essenziale, raccontato in due delle sue opere più note ed importanti: Sunny  e Tekkon kinkreet.

Fino al 31 marzo dalle 15 alle 19. Sabato fino alle 20.  Wow Spazio Fumetto, Viale Campania 12. Ingresso gratuito.  

Foto: courtesy press office

C’era una volta la Vecchia Milano

La Fondazione Luciana Matalon ospita, ancora fino al 31 marzo, l’esposizione Schegge di periferie: il Neorealismo a Milano: 70 foto da pellicola negativa Kodak in bianco e nero che Nino De Pietro, con la sua inseparabile Leica, ha scattato a Milano tra gli anni Cinquanta e gli anni Ottanta.  La matrice linguistica è quella del cinema neorealista italiano di Roberto Rossellini, Vittorio De Sica e Luchino Visconti di cui condivide la rappresentazione della vita nella sua immediata realtà. In ogni scatto il fotografo percorre “disordinatamente” le strade di Milano eseguendo straordinarie sequenze fotografiche tra i luoghi della vecchia periferia: i navigli e i cortili delle case di ringhiera, le scritte sui muri, le tende da sole dei grandi condomini periferici.

Fino 31 marzo. Da martedì a domenica dalle 10 alle 19. Fondazione Luciana Matalon, Foro Buonaparte 67. Ingresso 4 euro + 2 euro di tessera associativa.

Foto: fondazionematalon.oorg

Disegni del Novecento

Nell’ambito del palinsesto culturale Novecento Italiano il Comune di Milano – Cultura e la Soprintendenza del Castello Sforzesco presentano la mostra dedicata ai capolavori della grafica italiana del Novecento conservati nelle raccolte civiche e nelle collezioni di Intesa Sanpaolo: in esposizione disegni, incisioni e libri d’artista dei più celebri maestri del secolo scorso. La mostra è una galleria di pittori, scultori e incisori italiani, presentati secondo una scansione cronologica, cha va da Umberto Boccioni a Giorgio De Chirico, da Lucio Fontana a Marino Marini per arrivare ad Afro, Alberto Burri e Federica Galli.

Novecento di carta. Fino al 1 luglio 2018. Martedì-domenica dalle 9  alle 17.30. Castello Sforzesco, Piazza Castello. Ingresso 10 euro.

Umberto Boccioni, Interno con due figure femminili, 1916. Civico Gabinetto dei Disegni, Milano. Foto: milanocastello.it

Paolo Ventura in mostra all’Armani/Silos

Racconti immaginari è l’evocativo titolo della mostra fotografica ospitata fino al 29 luglio all’interno degli spazi di Armani/Silos. Un viaggio immaginario, appunto, tra narrazione e gioco, dove le forme espressive trasformano il sogno in realtà, grazie al tocco sapiente di Paolo Ventura,  fotografo trasformista formatosi all’Accademia di Belle arti di Brera e poi cresciuto nel mondo della moda e del design.

Fino al 29 luglio, su prenotazione. Armani/Silos, Via Bergognone 40. Ingresso 12 euro.

Foto: armanisilos.com