Whitney Houston nelle settimane precedenti alla sua morte sapeva già che la sua vita stava per finire. A sostenerlo è un suo amico di lunga data che ha recentemente parlato al magazine The Globe, confidando le sue impressioni sugli ultimi giorni della diva.

Whitney Houston aveva già immaginato che stava per morire? A esserne convinto è Raffles van Exel, un confidente da molto tempo della cantante scomparsa lo scorso 11 febbraio, che ha rivelato qualche particolare delle sue ultime settimane di vita.

Galleria di immagini: Whitney Houston

A proposito dei suoi ultimi giorni, l’uomo ha raccontato al The Globe:

«Ha continuato ha parlare di lasciare l’America. Pensavo intendesse la Svizzera, dove diceva che avrebbe vissuto. Ora ho capito che intendeva che stava per lasciare questo mondo.»

Raffles van Exel ha inoltre parlato del tragico 11 febbraio, il giorno in cui il corpo di Whitney Houston è stato trovato nel bagno della suite del Beverly Hilton Hotel di Los Angeles:

«Ho visto Whitney giacere sul pavimento con la sua guardia del corpo che l’ha portata fuori, cercando di farle la rianimazione cardio-polmonare. Era completamente nuda. Ho preso un asciugamano e l’ho messo sul suo ombelico… I paramedici l’hanno spostata dal bagno al soggiorno. Ho aiutato uno dei detective a spostare un divano per fare spazio.»

Fonte: StarPulse