Sapevamo da marzo che nel parnaso di Karl Lagerfeld si fosse aggiunta una nuova musa: ora per la campagna della collezione autunno inverno 2016/2017 per gli Occhiali da sole Chanel il volto di Willow Smith scende in campo a tutti gli effetti.

La giovanissima figlia di Will Smith e Jada Pinkett-Smith – classe 2000 – nonché sorella di Jaden Smith (già prescelto da Nicolas Ghesquière per la campagna Series 4 di Louis Vuitton) si è affermata grazie a un profilo decisamente poliedrico, spaziando dalla scrittura alla musica fino alla recitazione, incarnando con grande semplicità lo spirito della sua generazione. E Kaiser Karl non poteva che vedere nella nuova it-girl un volto capace di conquistare i millenials, dopo Cara Delavigne e Lily-Rose Depp.

Giovane ed energica, Willow Smith (che deve il suo nome a suo padre, che voleva – secondo voci di corridoio – rendere omaggio all’omonimo personaggio del telefilm “Buffy l’ammazzavampiri“) ha saputo prestarsi all’obiettivo di Lagerfeld con grande naturalezza, interpretando al meglio il minimalismo in bianco e nero voluto per la campagna della collezione autunno inverno 2016/2017 per gli Occhiali da sole.

image-fixe

Sono modelli lineari, quasi classici, quelli della prossima collezione (disponibili in boutique e nei rivenditori autorizzati già da giugno), indossati in modo più che convincente dalla Smith. Tanto convincente, che sicuramente le sue tante giovanissime followers di Instagram (1,4 milioni, contro gli oltre 30 milioni di Cara Delavigne e gli 1,9 milioni di Lily-Rose Depp) desidereranno possedere quanto prima.

Willow, tra l’altro, ha incantato qualche settimana fa il pubblico di Philadelphia, salendo sul palco e cantando con il padre una versione di “Summertime“: va sottolineato che è stato proprio Will Smith a far debuttare la figlia (come prima aveva fatto con Jaden), sul set di “I am Legend“, in cui interpretava la figlia del protagonista.

image-fixe2

Insomma, nuovi clan alla conquista del jet set e del fashion system che il geniale Lagerfeld sa come utilizzare in maniera decisamente brillante.