Appena usciti dal talent show X-Factor, i Borghi Bros commentano la loro eliminazione ai microfoni di Davide Maggio. I due fratelli hanno rivelato di essere stati delusi dalla scelta del loro giudice Enrico Ruggeri, il quale ha preferito il trio Effetto Doppler a loro.

Il primo rifiuto ricevuto da Mara Maionchi durante la scorsa edizione del talent gli ha permesso di crescere e di perfezionare la loro armonia. La stessa discografica, quando i due ragazzi si sono presentati ai provini quest’anno, li ha trovati nettamente migliorati.

Carlo Alberto ha dichiarato al pubblico di essere stato ferito dalla scelta di Enrico Ruggeri. Il giudice della categoria “Gruppi vocali” ha preferito eliminare i Borghi Bros perché attualmente avrebbero maggiori possibilità di lavoro nel mondo della musica:

A noi il discorso sulla scelta non è piaciuto tantissimo. Già nella musica non ci vuole una mano ad aiutarti, ma due. Rispetto al discorso su mia figlia, io avevo parlato con la mia compagna e avevamo deciso di affrontare questa cosa insieme. È stato un grande sacrificio per me e volevo fare X-Factor anche per mia figlia. Questa cosa mi ha ferito.

Secondo i fratelli Borghi, Mara Maionchi e Anna Tatangelo si sono schierate contro di loro etichettandoli da subito come “piacioni”. I brani assegnati non avrebbero contribuito a far sì che i giudici superassero il pregiudizio sui ragazzi, i quali sono rimasti semplicemente i bellocci della situazione.

Sulla questione “Nevruz Joku”, Alessio e Carlo Alberto ricordano di essere stati definiti sfigati dal cantante della categoria “Over 25”. I due fratelli credono Nevruz indossi solo una maschera e rivelano che davanti alle telecamere cambia sempre atteggiamento:

Prima o poi i nodi verranno al pettine. Noi siamo usciti prima di lui ma bisogna vedere. Per noi Nevruz è un’artista ma è anche molto marketing. È una maschera e molti artisti-maschera in effetti funzionano. Lui, quando c’è una telecamera, è sempre pronto a mostrare il personaggio e non la persona. È stato addestrato per questo, non dallo staff di X-Factor, ma da se stesso.