X-Factor 6 ha aperto la sua penultima puntata, la prima della finale, con un medley cui hanno preso parte tutti i concorrenti, anche gli eliminati di tutte le puntate precedenti. L’esibizione corale, molto commovente, si è tenuta sotto una tenda di stelle, tra luci e note, dalle quali sono spuntati a turno tutti, dagli Akmè a Romina Falconi. Su tutti è spiccata la verve di Chiara Galiazzo, cui nel medley è toccata una strofa di I Will Always Love You della compianta Whitney Houston.

=> Leggi delle finaliste Chiara Galiazzo e Cixi

Galleria di immagini: X-Factor 6, i finalisti

Per questa penultima puntata di X-Factor 6, Elio ha lasciato che fosse Cixi a scegliere il proprio pezzo. E Cixi ha scelto You Need Me, I Don’t Need You di Ed Sheeran: un pezzo difficilissimo, per stessa ammissione della concorrente. Tuttavia, la canzone non ha permesso a Cixi di esprimersi al meglio, forse perché un po’ troppo funky e dinamica, tanto da risultare un po’ troppo appesantita nell’esecuzione, anche per una probabile difficoltà da parte di una qualunque italiana di addentrarsi negli accenti di un pezzo che strizza l’occhio alla black music. È andata decisamente meglio con l’inedito, evidentemente una canzone che Cixi possiede nel profondo. Un dettaglio curioso: Cixi, nella prima esibizione, indossava delle scarpe che ricordavano moltissimo i modelli della Inferno & Suicidio, marchio di abbigliamento underground celebre negli anni ’80.

Come sempre affascina Chiara, che ha cantato Teardrop dei Massive Attack, una canzone che aveva già eseguito ai casting e che fu assegnata due edizioni fa nello stesso talent a uno dei gruppi di Mara Maionchi. Arrangiamento praticamente uguale all’originale, Chiara ha dimostrato un’altra volta ancora di potersi cimentare con qualunque genere musicale. Come sempre originale ICS, anche nella performance di un grande classico come Smooth Criminal di Michael Jackson: ICS ha anche ballato le coreografie originali, come il ritmo di questo evergreen richiede, in un tributo davvero suggestivo insieme con un intero corpo di ballo.

Davide Merlini ha cantato dapprima Spaccacuore di Samuele Bersani e poi il suo inedito, nel quale è apparso maggiormente sicuro e consapevole. La canzone di Bersani in realtà poco si addiceva al suo stile prettamente melodico, ma comunque tra i quattro finalisti Davide è quello che probabilmente ha caratteristiche musicali meno innovative rispetto agli altri.

=> Leggi dei finalisti ICS e Davide Merlini

Davvero commovente la sessione drum ‘n’ bass per il tributo a Lucio Dalla. I migliori in scena ICS, che ha cantato Com’è Profondo il Mare, e Cixi che ha cantato Il Cielo. Si è trattata per tutti di un’esibizione veloce, con i pezzi completamente riarrangiati e che è culminata con una corale Piazza Grande, che sapeva di falò sulla spiaggia, di note stonate tra i vicoli della città con gli amici all’alba, di emozioni vere, autentiche, indimenticabili.

È stata anche la volta della superospite internazionale Kylie Minogue, che ha cantato la sua hit Can’t Get You Out Of My Head, pezzo che in Italia fu oggetto di una cover di Carmen Consoli. Si è trattata di un’esibizione molto particolare: la cantante australiana, pur conservando la sua carica pop, si è avvalsa di chitarre acustiche, coriste e archi, una vera e propria orchestra sinfonica che ha riscaldato ulteriormente il pubblico.