X-Factor 6: la seconda puntata del talent show di SKY Uno si è conclusa con il ballottaggio tra due gruppi vocali. I giudici hanno scelto di eliminare gli Akmé, salvando allo scontro finale i Frères Chaos. Durante la puntata ha fatto il suo ingresso nel programma Alessandro Mahmoud per la categoria Under 24 di Simona Ventura.

Galleria di immagini: Akmé X-Factor 6

Ad aprire la puntata di X-Factor 6 di ieri sera è stata Nice, esibitasi in Lonely Boy dei The Black Keys. La sua interpretazione non ha destato particolari critiche, come pure l’esibizione delle Donatella, che si sono cimentate in Lamette di Donatella Rettore.

I primi commenti negativi della serata, invece, sono stati per Romina Falconi: il brano The Voice degli Ultravox non ha convinto Arisa, che ha trovato la concorrente un po’ carente nelle tonalità basse del pezzo. Forse non si è trattato del pezzo adatto alle potenzialità della cantante, ma Morgan ribadisce come le sue scelte siano sempre messe in discussione dai concorrenti e come Romina fosse convinta del suo brano.

Quando Simona Ventura ha presentato Daniele Coletta, con il suo brano Madness dei Muse, non ha potuto fare a meno di ammettere di aver sottovalutato il gruppo in passato. Nel 2009, infatti, la band fu ospite a Quelli che il Calcio e la Ventura non si accorse di come gli artisti si fossero scambiati i ruoli l’un l’altro per gioco. Quanto all’esibizione di Daniele, Morgan è seriamente preoccupato che un passo falso di Simona possa portare il concorrente all’eliminazione.

Colpisce ancora una volta ICS, con la sua esibizione White Lines di Grandmaster Flash che divide il pubblico in due: gli utenti dei social network continuano a criticarlo pesantemente, mentre il pubblico in studio non smette di applaudirlo. Molto deludente invece la performance degli Akmé, che hanno tentato di re-interpretare Voglio Vederti Danzare di Franco Battiato. Morgan quasi indispettito:

«Franco Battiato non va interpretato così!»

Dopo aver mandato gli Akmé al ballottaggio finale, il pubblico ha visto salire sul palco Yendry Fiorentino. Elio, prima di presentare il pezzo, ha spiegato al pubblico come la giovane cantante stesse combattendo con alcuni noduli alla gola che avrebbero potuto comprometterne la performance. Ma nonostante gli errori di intonazione, Yendry è riuscita comunque a passare il turno.

Standing ovation per Chiara Galiazzo, che ha interpretato magistralmente Somewhere over the Rainbow nella versione di Israel Kamakawiwo’ole. Arisa si è entusiasmata per l’interpretazione della stella di X-Factor 6:

«Quando diventerai famosa acquisterò un tuo disco per imparare a cantare.»

Quasi alla fine della serata, Arisa ha cominciato a mostrare i segni della stanchezza: troppe emozioni a causa degli Akmé in nomination e la cantante di Sincerità non ha usato mezzi termini per descrivere l’interpretazione di Davide Merlini, che si esibito in Iris dei Goo Goo Dolls. Per lei, Davide è stato troppo “karaokesco” e il commento ha scatenato subito la reazione stizzita della Ventura.

Cixi ha cantato Tutto l’Amore Che Ho e questa volta Arisa se l’è presa con Elio per la scelta del pezzo: un brano sottotono rispetto alle potenzialità della cantante. Nonostante i Frères Chaos, infine, abbiano ricevuto diversi complimenti al termine dell’esibizione Crystalized dei The XX, i due fratelli non sono riusciti a convincere il pubblico a casa e sono finiti al ballottaggio con gli Akmé.

Dopo la sfida finale, ad Arisa è toccato l’arduo compito di scegliere chi eliminare tra due dei suoi gruppi vocali. Il giudice ha scelto di continuare a lavorare sui Frères Chaos perché più decisi e maturi per il mondo discografico rispetto ai tre ragazzi pugliesi.