X-Factor 6 conclude la sua sesta edizione con la vittoria di Chiara Galiazzo. Una vittoria in un certo senso annunciata, dato che tutti i giudici sono stati sempre concordi sul suo fattore X e i bookmaker inglesi la davano per favorita dalla prima ora. Ospiti ieri sera Skye dei Morcheeba e Eros Ramazzotti, cui i tre finalisti hanno tributato un omaggio musicale preceduto da un simpatico e autoironico balletto del presentatore Alessandro Cattelan, vera grande conferma del talent show. Cattelan ha dimostrato di saper stare sul palco con spirito, prontezza di riflessi e con un respiro internazionale molto raro tra i conduttori italiani.

=> Leggi di Chiara Galiazzo favorita per i bookmaker

Galleria di immagini: X-Factor 6, i finalisti

È stata anche la sera dei grandi duetti a X-Factor 6. Davide Merlini, eliminato nella prima fase della trasmissione decretando la vittoria di Morgan come giudice, ha avuto l’opportunità di duettare con l’ospite Skye, con una celebre canzone dei Morcheeba, Rome Wasn’t Build in a Day, mentre ICS ha duettato con Lisa Hannigan e Chiara Galiazzo con Mika. Quest’ultimo ha mostrato un ottimo feeling con Chiara, forse foriero di qualche esibizione live insieme.

Meno litigiosi i giudici in questa puntata: a loro sono stati dedicati quattro filmati, uno per ognuno, che hanno raccontato in immagini e suono il loro modus operandi. Tra tutti è spiccata Arisa, che ha dichiarato di aver voluto fare le cose con il cuore, anche a costo di apparire stupida, mentre nel filmato di Simona Ventura la conduttrice ha lamentato in generale un pregiudizio nei propri confronti.

=> Leggi dell’eliminazione di Cixi

Tra i premi è stato assegnato anche l’Enel Best Act, andato a Cixi, per You’ve Got the Love. La più giovane delle finaliste se ne va a casa quindi con una sorta di premio della critica, che la ripaga del percorso effettuato, del grande lavoro su se stessa e la sua voce, soprattutto dopo l’eliminazione di ieri, che ha fatto soffrire i suoi fan. Un momento divertente e “toccante” è stato quello in cui Rocco Tanica ha parafrasato la celebre Se di Rudyard Kipling.