A X-Factor la prima prova di conduzione di Alessandro Cattelan è andata molto bene. Pronto a sposarsi completamente con il lato british del format, il giovane presentatore è stato molto apprezzato, anche se ha commesso qualche errore di percorso come una camicia non proprio adatta alla situazione. Bello invece l’anellone di mamma, che il conduttore precisa non sia morta.

In un’intervista a Davide Maggio, è emersa la solita richiesta delle differenze nella conduzione di X-Factor tra Alessandro Cattelan e Francesco Facchinetti. Ma il nuovo conduttore ha preferito glissare per non essere frainteso e finire per offendere il collega che ha portato avanti il talent per ben quattro edizioni, spiegando solo come le due conduzioni siano differenti: una tautologia politicamente corretta, diplomatica e anche questa molto inglese.

Galleria di immagini: X-Factor 5, il cast

Cattelan è soddisfatto di come stiano andando le cose e crede che comunque le differenze siano naturali, soprattutto nel corso di un passaggio di emittente: SKY avrebbe un linguaggio più giovane e un impatto più fresco di quanto accadeva in Rai.

Cattelan, inoltre, si è difeso dalle ipotesi di raccomandazione da parte di Simona Ventura, che spesso hanno invaso le testate in questi mesi. Il favoritismo sarebbe impensabile in un’azienda privata in cui deve prevalere il merito per tenere alti gli ascolti:

«A volte leggo che sono raccomandato da Simona Ventura. Ne sarei orgoglioso perché quando si parla di raccomandazioni bisogna fare una distinzione: le raccomandazioni di piacere e quelle che in tutto il mondo si chiamano referenze. Ed è merito mio, come è merito mio essermi conquistato la fiducia di Simona Ventura, è merito di Simona Ventura aver fatto il mio nome a SKY ed è merito di SKY aver creduto in me. So che anche Fiorello, rimasto in ottimi rapporti con SKY, quando è stato interpellato aveva fatto il mio nome. Sono giudizi di persone che sanno fare questo lavoro, con le quali non vado in vacanza o a pranzo insieme, ma che sono contento stimino me.”

Fonte: Davide Maggio.