Il mistero sulla morte di Yara Gambirasio si infittisce sempre di più, e i nuovi particolari che stanno emergendo nelle ultime ore sono raccapriccianti. Si parla infatti della possibilità che l’uccisione della giovane di Brembate si inserisca all’interno di un rito satanico.

Yara sarebbe stata dissanguata, e il suo sangue raccolto per finalità che probabilmente hanno a che fare con il satanismo.

Galleria di immagini: Yara Gambirasio, i luoghi

Questa ipotesi si fa strada grazie ad alcune indiscrezioni provenienti dagli ambienti investigativi, successivamente diffuse da NewsMediaset. Ad avvalorare questa teoria ci sono tutta una serie di dettagli finora inspiegabili, a partire dalla posizione in cui è stato trovato il corpo della Gambirasio lo scorso 26 febbraio.

Le braccia piegate all’indietro e il viso rivolto al cielo, infatti, avrebbero una particolare simbologia che rimanda ai rituali satanici. Si parla, inoltre, di un’antica chiesa romanica nei pressi di Brembate che, secondo alcune voci che circolano nel paese, ospiterebbe le riunioni di alcune sette segrete. A questo quadro già abbastanza macabro si aggiunge un altro dettaglio che, tuttavia, non è stato ancora confermato.

Yara avrebbe quattro tagli sulla schiena che rappresentano, forse, un simbolo che ricorda una Runa antica, il cui significato potrebbe essere riconducibile al principio del sacrificio femminile.