Lo yogurt per bambini può essere un ottimo alimento di complemento quando inizia la fase dello svezzamento. Il latte materno diventa alimento sempre meno presente all’interno della dieta del bambino, e per rendere completa la sua alimentazione, oltre a prodotti sani quali omogeneizzati oppure pappe e minestrine, lo yogurt ben si presta a fornire molti nutrienti necessari al benessere del piccolo.

Lo yogurt per bambini è solitamente un alimento facilmente digeribile ma anche sano e non troppo calorico o zuccheroso. In più, il suo sapore gustoso potrebbe apparire ottimo al palato dei più piccoli, anche per quelli più esigenti o difficili.

Yogurt per bambini: le caratteristiche che deve possedere

Le caratteristiche nutritive che un buon yogurt dovrebbe possedere – al di là del fatto che sia specifico per bambini o meno -, sono soprattutto le seguenti: lattobacilli che rendono lo yogurt particolarmente leggero e quindi facile da digerire ma che aiutano anche la rigenerazione della flora batterica intestinale; vitamine (A, PP, vitamine del gruppo B e vitamina C); sali minerali; amminoacidi necessari per lo sviluppo e la crescita; calcio, ottimo per le ossa e per i denti. Lo yogurt per bambini è dunque un alimento in grado di andare ad influire positivamente su tanti aspetti del benessere e della salute dei più piccoli (e anche degli adulti, ovviamente). Tra l’altro, lo yogurt ha anche il pregio di essere facilmente sopportato dai bambini che iniziano a manifestare le prime intolleranze al lattosio poiché la presenza di esso, all’interno dello yogurt, è davvero minima. Nonostante lo yogurt sia generalmente alimento sano, occhio sempre alla tabella nutrizionale, per evitare di acquistare prodotti troppo calorici o troppo ricchi di zuccheri.

Momento della giornata in cui dare yogurt al bambino

Nella fase dello svezzamento, ma anche successivamente, il momento migliore della giornata per dare lo yogurt ai bambini è senz’altro quello della merenda. Il perché è presto detto: dare lo yogurt ai bambini al mattino, a colazione, potrebbe infastidire la maggior parte dei piccoli, soprattutto perché lo yogurt è alimento che va conservato in frigo e quindi potrebbe essere freddo (anche se stemperato per qualche minuto prima di servirlo). Una merenda a base di yogurt e frutta può essere senz’altro la soluzione migliore – e più sana – da presentare ai più piccoli. Successivamente lo yogurt potrà essere dato anche nella variante da bere, un’alternativa che i bambini potrebbero particolarmente apprezzare, o in abbinamento ai cereali.

Scegliere lo yogurt per bambini in base al tipo di latte

Scegliere lo yogurt per bambini significa anche scegliere la tipologia di latte con cui esso è prodotto, in base alle varie esigenze. Chi è a caccia di un prodotto tendenzialmente magro, punterà su yogurt magro fatto con latte parzialmente scremato o su yogurt light prodotto con latte scremato. Per particolari esigenze, è disponibile anche yogurt fatto con ingredienti di origine vegetale (soia, riso, avena…) e in alternativa al latte di mucca è possibile provare varietà fatte con latte di capra o di pecora. Quando si tratta di yogurt per bambini si dovrebbe puntare inoltre a prodotti di origine biologica o più semplici possibile (meno ingredienti ci sono, meglio è insomma).