Quest’anno sarebbe stato il suo settantesimo compleanno, e così Yoko Ono, la moglie di John Lennon, ha organizzato una serie di manifestazioni per celebrare la figura artistica del marito. Uno di questi eventi si è svolto proprio venerdì sera, a Los Angeles.

La “We Are Plastic Ono Band”, il gruppo di celebri star della musica creato dalla coppia nel 1969, si è esibita in una performance sul palco dell’Orpheum Theatre, seguita da performance di altri famosi artisti quali il rapper RZA, Iggy Pop, Sean il figlio di Yoko e John e anche la oramai onnipresente Lady Gaga.

La domanda che molti si sono posti, è stata: perché la presenza di Lady Gaga? Ma la Ono ha prontamente risposto:

John avrebbe adorato il suo spettacolo. Era come me, amava le cose selvagge. E lei è selvaggia.

Anche il figlio Sean ha replicato sulla questione:

Lady Gaga non è solo la pop star del momento, è anche un’ottima pianista.

Ma anche Gaga, diretta interessata, non ha perso tempo per rilasciare la sua dichiarazione:

Se fossi nata negli anni ’60 avrei lottato con Yoko per il cuore di John.

Vogue.it si chiede se queste affermazioni siano sufficienti a colmare i dubbi o se la cantante Italo-Americana non stia iniziando a farsi prendere un po’ la mano dal “presenzialismo”. A voi i commenti.