Ecco una prima proposta di ricetta mono porzione proposta da Pippo Apicella, l’autore del libro “Manuale del mangiatore solitario” dato alle stampe dalla casa editrice Archinto: la zuppa di vongole.

Senza dover temere che qualcuno si sieda al vostro posto o interferisca ai fornelli per la preparazione del piatto scelto per la vostra cena, e senza neppure dover buttare gli avanzi per non ritrovarli il giorno successivo e forse, di seguito, un altro ancora, premunitevi di:

un vasetto di vongole

un misurino di brodo di pesce granulare

una punta di cucchiaino di aglio in polvere

una spolverata di prezzemolo

due cucchiai di olio extravergine di oliva

due o tre pacchetti di crackers

pepe nero da macinare al momento

Mettete sul fuoco un quarto di litro d’acqua, e, una volta raggiunto il bollore, disciogliere un cucchiaino di brodo di pesce granulare.

Lasciare a fiamma moderata ancora per un po’, unendo il prezzemolo, l’aglio liofilizzato e l’olio extravergine d’oliva.

A questo punto aggiungete le vongole del vasetto, senza scolare l’acqua contenuta al suo interno.

Aggiungere altri 250 dl di acqua, girare e, in ultimo, spolverare di pepe a piacimento.

Apicella suggerisce di usare i crackers al posto dei crostini, visto che quasi mai si riesce a comprare il pane tutti i giorni, e visto che questo non si conserva.

Ma in questo caso suggeriamo di usare il pane raffermo e di passalo in forno con un goccio di olio ed un pizzico di sale.