Se state cercando di perdere peso e di bruciare calorie o di restare in forma, le strategie vincenti per risvegliare il metabolismo  sono quello che ci vuole per dare uno sprint in più alla dieta dimagrante o all’allenamento.

I miti intorno al metabolismo sono tanti: “Il caffè lo accelera”, “Rallenta dopo i 40 anni”, “Il sollevamento pesi aumenta il metabolismo basale”. Ma quanto di quello che si sente è vero, ed è davvero possibile migliorare il metabolismo con i trucchi giusti?

Il metabolismo è il processo mediante il quale il corpo converte il cibo in energia, utilizzando l’ossigeno per liberarla. Naturalmente non sempre chi non riesce a dimagrire ha un metabolismo pigro, per questo è importante sempre rivolgersi a un medico nutrizionista che dia vita a una dieta e a un programma di fitness personalizzato. In generale, prò, più è veloce il metabolismo più calorie si bruciano a riposo.

Per questo è importante, per dimagrire e restare in forma, conoscere le migliori strategie per risvegliare il metabolismo. Ecco la top 3.

  1. Esercizio fisico. L’allenamento costante è uno dei segreti per accelerarlo. Il migliore è  quello ad alta intensità, che brucia grassi e mette alla prova la resistenza muscolare. Utile anche il cardio, con sessioni tra i 20 e i 35 minuti. A queste si possono alternare due allenamenti con pesi a settimana.
  2. Alimentazione. Inserire le proteine ​​in ogni pasto, anche di origine vegetale, e non solo dopo l’allenamento, è essenziale perché gli aminoacidi costruiscano massa muscolare magra. Inoltre è necessario bere più acqua possibile, fino a 2 litri al giorno, in quanto permette al metabolismo di accelerare. Importante non saltare nessun pasto, spuntini compresi, e fare colazione entro 30 minuti dal risveglio. Fare piccoli pasti durante la giornata, al massimo ogni tre ore, permette di mantenere sempre il sistema attivo.
  3. Sonno. Dormire il giusto numero di ore a notte, non meno di 7 o 8, non solo permette di essere riposati e di buon umore, ma ha anche un effetto positivo sulla velocità di smaltimento delle calorie. In particolare, la privazione di sonno può addirittura rallentarlo, in quanto collegata ad un aumento dei livelli di zucchero nel sangue che fanno sentire affamati o stanchi.