È il Mattatoio a Testaccio a ospitare l’installazione Vertigo di Sylvio Giardina, occasione per conoscere alcuni dei capi della collezione Haute Couture Primavera-Estate 2019 dello stilista, durante la seconda giornata di Altaroma 2019.

La kermesse capitolina permette infatti di avvicinarsi alle creazioni dello stilista siciliano (ma nato a Parigi) e carpirne la sensibilità artistica: protagonisti dell’intervento a metà tra l’installazione e la performance, cinque capi total white base dei giochi di luci e chiaroscuro che citano la Shadow Art, l’arte di creare ambienti immersivi e visioni poetiche con la retroilluminazione di oggetti in 3D.

Il padiglione al Mattatoio che ospita Vertigo di Sylvio Giardina
Vertigo, Sylvio Giardina Haute Couture Primavera-Estate 2019 (Courtesy Press Office)

L’installazione coinvolge così lo spettatore in un dialogo di citazioni e di rimandi generati dalle proiezioni su oggetti in cristallo molato di proprietà dell’autore e la minuzia geometrica dei preziosi intarsi in tulle e in organza degli abiti, che si impongono nello spazio con la leggerezza di presenze leggiadre ed evanescenti ma forti di un’anima sartoriale magistralmente elaborata.

Dettaglio di uno degli abiti della collezione Hauet Couture di Sylvio Giardina
Vertigo, Sylvio Giardina Haute Couture Primavera-Estate 2019 (Courtesy Press Office)

Tre mesi di lavoro per i 5 abiti, primi esemplari della nuova collezione Haute CouturePrimavera-Estate 2019, vero trionfo di sartorialità. Esclusivi e portabili insieme, sono fatti di tagli virtuosi e costruzioni geometriche, texture preziose e dettagli minuziosi così da celebrare la silhouette femminile in chiave sartorial-chic.

Tre abiti della collezione Vertigo di Sylvio Giardina
Vertigo, Sylvio Giardina Haute Couture Primavera-Estate 2019 (Courtesy Press Office)

Deliziosi gli accessori, dai girocolli dorati alle collane colorate fino agli splendidi sandali preziosamente lavorato in tulle (della stessa nuance del make-up della modelle), uniche nuance nel bianco dominante l’intera proposta. La palette? Quella dei colori di tendenza nell’estate 2019: il corallo, il fucsia, il giallo e l’indaco.

Sandali arancioni della collezione Vertigo di Sylvio Giardina
Sylvio Giardina Haute Couture Primavera-Estate 2019 (Courtesy Press Office)

Giardina, per 12 anni al fianco di Antonio Grimaldi, con cui ha fondato la griffe Grimaldi Giardina, dà prova di muoversi a suo agio con i materiali trasparenti che dominano Vertigo, il cristallo e il tulle, e di saper suggestionare con grazia  lo spettatore, immergendolo come fa in una vertigine  fatta di luce, suono, ombre e volumi, senza rinunciare a quella dose di sogno di cui – da sempre – devono essere contraddistinti gli abiti della Haute Couture.

Galleria di immagini: Altaroma 2019, Sylvio Giardina Primavera-Estate 2019, le foto

L’installazione è visibile al pubblico fino al 28 febbraio al Padiglione 9B del Mattatoio, in piazza Orazio Giustiniani, 4 (dal martedì alla domenica dalle 14 alle 20; biglietti da 6 a 5 euro).