5 capi must have realizzati con l’intelligenza artificiale Huawei

Quando l'AI incontra l'estro creativo nascono meraviglie: la collezione realizzata in tandem dall'intelligenza artificiale Huawei e da Anna Yang, Creative Director di ANNAKIKI.

Moda

A qualche anno dal suo arrivo in Italia, sappiamo ormai che Huawei non conosce confini: leader mondiale nell’industria tecnologica, pioniere nell’ambito dell’applicazione dell’intelligenza artificiale, dopo aver completato la sinfonia No. 8 di Schubert ha stupito tutti, ancora una volta, realizzando la prima collezione di moda elaborata dall’AI.

Il merito va a Fashion Flair, nuovo progetto firmato Huawei a dir poco ambizioso e presentato a Milano nella cornice di Superstudio: una linea di moda mai vista prima, generata dall’intelligenza artificiale della famiglia Huawei P30 e della sempre originale Anna Yang, Creative Director della maison ANNAKIKI.

Isabella Lazzini, Marketing & Retail Director Huawei CBG Italia, ha raccontato: “Fornendo i parametri base per la realizzazione di un abito, come colore, lunghezza, volume e texture, l’intelligenza artificiale è in grado di dare uno spunto creativo ai designer da cui partire per poi realizzare le loro creazioni. La tecnologia e gli smartphone sono parte delle nostre vite, perché quindi non farli diventare un’ulteriore fonte di ispirazione?“.

L’evento di lancio della collezione, disponibile in pre-oder su LuisaViaRoma dal 9 maggio 2019, è stato una grande festa all’insegna della moda vista attraverso gli occhi della tecnologia.

Presentata da Rudy Zerbi, la serata ha visto come protagonisti assoluti gli abiti disegnati da Anna Yang e dall’intelligenza artificiale di Huawei P30 e Huawei P30 Pro: a osservarli molti volti noti dello spettacolo e del fashion, tra cui Anna Dello Russo, Jo Squillo, Belén Rodriguez, Filippa Lagerback, Eva Riccobono, Bianca Atzei, Luca Argentero e Andy Fumagalli. Ciliegina sulla torta, l’esibizione dei Clean Bandit al ritmo dei loro cavalli di battaglia.

Galleria di immagini: Huawei, la prima collezione moda creata con l'intelligenza artificiale, foto

Fashion Flair, nuovo capitolo di Humanly Possible di Huawei

Interpretare il ruolo della tecnologia nella vita delle persone, questo, in sintesi, il significato di Humanly Possible, a cui si aggiunge Fashion Flair. Ma com’è nato il progetto?

Un gruppo di sviluppatori italiani ha lavorato instancabilmente implementando il sistema, facendogli analizzare migliaia di immagini simbolo della moda dell’ultimo secolo e, nel caso di ANNAKIKI, una serie di scatti tratti dalle ultime collezioni del brand. Il risultato è sbalorditivo: una scelta di look praticamente infinita da cui partire per realizzare una nuova collezione di abbigliamento. La tecnologia si fa fonte d’ispirazione, aiutando l’uomo nel realizzare l’abito secondo il proprio stile più personale.

Una delle creazioni di ANNAKIKI x Huawei (Foto: Ufficio Stampa)

La collezione di ANNAKIKI x Huawei, i 5 capi più belli

Ispirata alla palette di colori che distingue i nuovi smartphone Huawei, oltre che all’intelligenza artificiale, la collezione ANNAKIKI x Huawei avvale delle tinte vibranti di Amber Sunrise, Breathing Crystal, Aurora e Black in riferimento a spettacoli naturali che tolgono il fiato, come l’aurora boreale. Abiti femminili e mai scontati, senza essere leziosi: la donna pensata da Anna Yang per Huawei è forte, determinata, amante del bello e del sentirsi bella. Parte del ricavato della linea, in pre-order su LuisaViaRoma, sarà indirizzato al sostegno di un progetto speciale a supporto dei giovani talenti di una delle più importanti accademie di Fashion Design in Italia.

Che sia per un look da gran sera o per il tempo libero, di seguito trovate i 5 migliori capi selezionati da noi.

Il vestito rosso di ANNAKIKI x Huawei (Foto: LuisaViaRoma)

Vestito rosso con ruches: elegante e sexy, la spalla importante dà il meglio di sé se si portano i capelli raccolti. Il vestito rosso di Annakiki x Huawei sa come farsi notare, merito del rosso vivo e del gioco di lunghezze. Da indossare a un evento importante.

Blazer catarifrangente ANNAKIKI x Huawei (Foto: LuisaViaRoma)

Blazer catarifrangente: dal sapore animalier, sì, ma con dettagli catarifrangenti che sorprendono a ogni passo. La luce gioca con il blazer di Annakiki x Huawei, regalando un capospalla ironico e divertente. Da indossare per una serata con gli amici, promosso l’abbinamento con jeans skinny e ankle boots.

Vestito mini glitterato ANNAKIKI x Huawei (Foto: LuisaViaRoma)

Vestito mini glitterato: se Cenerentola fosse nata dalla penna di Candace Bushnell, probabilmente sarebbe stato questo il suo outfit per il gran ballo. Cortissimo, dalle maniche importanti e in uno splendido punto di azzurro, il vestito glitterato di Annakiki x Huawei è quello giusto per brillare nelle sere d’estate.

Pantaloni in techno tessuto ANNAKIKI x Huawei (Foto: LuisaViaRoma)

Pantaloni in techno tessuto: particolari, non c’è dubbio, ma abbinati sapientemente posso diventare un vero colpo di fulmine. I pantaloni in techno tessuto di Annakiki x Huawei sono adatti sia a un outfit elegante che a un look casual: nel primo caso, abbinateli a tacchi stiletto e a una giacca tuxedo. Nel secondo, via libera a una t-shirt nera e a sneakers coloratissime.

Giacca di jeans con scritta ANNAKIKI x Huawei (Foto: LuisaViaRoma)

Giacca di jeans con scritta: da indossare come un mantra. Perché uscire di casa con addosso le parole “Make it possible” non può che dare carica. La giacca in denim di Annakiki x Huawei è l’ideale nella mezza stagione, da indossare con un abito floreale dal sapore boho oppure in versione rock, abbinata a una t-shirt stampata e a stivaletti in stile cowboy.

Anna Yang, chi è la designer di ANNAKIKI

Tra le designer cinesi più affermate oltre i confini del suo paese d’origine, Anna Yang nasce da un’antica famiglia di sarti e subito ne raccoglie l’eredità. Ha soli 8 anni anni quando inizia a elaborare il proprio fiuto per la moda, scegliendo tessuti e cucendo le sue gonne. La sua naturale inclinazione la porta a studiare fashion design e, nel 2008, inizia la sua carriera come stilista.

A essere l’anno di svolta è il 2013, quando presenta il suo brand personale ANNAKIKI catturando, nell’immediato, l’attenzione dei media. Le sue creazioni non temono i colori e i volumi, com’è nella tradizione della moda orientale, vestendo una donna che conosce se stessa e si mostra in tutta la sua personalità. La sua visione sbarca in breve tempo a Parigi e a Londra, contribuendo ad alimentare l’interesse per la moda firmata ANNAKIKI.

Anna Yang con alcune delle creazioni della collezione ANNAKIKI x Huawei (Foto: Ufficio Stampa)

Un successo che non accenna ad arrestarsi e che, a partire dalla collezione Autunno-Inverno 2017/18, vede Anna Yang come una delle presenze fisse alla Milano Fashion Week. Dopo aver collaborato con Disney e Amazon.com, Anna è la stilista scelta da Huawei per dar vita alla prima collezione di moda realizzata con l’intelligenza artificiale: “Con questo progetto ho sperimentato qualcosa mai fatto prima: trarre ispirazione dall’AI. Huawei P30 Pro, con la sua intelligenza artificiale, è diventato un’ulteriore fonte di ispirazione, sempre disponibile, che mi ha permesso di lavorare in un modo totalmente alternativo. Co-creare insieme è stato per me estremamente stimolante e sono certa che in futuro la tecnologia giocherà un ruolo sempre più distintivo anche nel mondo della moda, aprendo scenari completamente nuovi che oggi possiamo solo immaginare”, ha dichiarato Anna Yang, guardando anche al domani: “Questa capsule collection è solo un esempio di ciò che sarà possibile realizzare in futuro“.