Inizia il conto alla rovescia per l’inaugurazione della più grande mostra mai dedicata allo stilista francese nel Regno Unito: Christian Dior: Designer of Dreams è l’attesissimo appuntamento che, dal 2 febbraio al 14 luglio 2019, invade la Sainsbury Gallery del Victoria and Albert Museum a Londra con oltre 500 pezzi che hanno fatto la storia della moda.

Abito Écarlate da pomeriggio, collezione Autunno-Inverno 1955 Haute Couture, Y line. Victoria and Albert Museum, London (Laziz Hamani)

Il percorso si snoda tra più di 200 capi rari di Haute Couture, presentati accanto ad accessori, fotografie, filmati, profumi, make up, illustrazioni, riviste, oggetti appartenuti a Monsieur Dior, tra cui il celebre tailleur Bar, donato al V & A dalla Maison nel 1960.

Bozzetto di Christian Dior per Londres, collezione Autunno-Inverno 1950 Haute Couture (Christian Dior)

Partendo dalla grande mostra Christian Dior: Couturier du Rêve, organizzata dal Musée des Arts Décoratifs di Parigi e terminata all’inizio del 2018, l’esposizione mette in risalto la visione della femminilità di Dior. Ma non solo: esplora la storia e l’impatto del couturier e dei sei direttori artistici che lo hanno succeduto portando con loro la propria sensibilità, dai disegni audaci di Yves Saint Laurent allo stile razionale di Marc Bohan, dall’estetica di Gianfranco Ferré all’esuberanza di John Galliano, dal minimalismo di Raf Simons all’eterno femminino di Maria Grazia Chiuri.

Christian Dior: Designer of Dreams celebra uno degli stilisti più geniali e iconici della storia della moda”, spiega Tim Reeve, Vice Direttore e Direttore operativo del V & A Museum. “Riproponendo questa popolarissima mostra parigina, la più grande esposizione di moda del V & A – dopo Alexander McQueen: Savage Beauty  – farà nuova luce sul fascino di Dior in Gran Bretagna. Il Victoria & Albert Museum possiede una delle maggiori collezioni di moda del mondo e siamo lieti di poterne svelare i punti salienti insieme a quelli del notevole archivio della Maison Dior, per questa spettacolare mostra”.

Yves Saint Laurent davanti alla boutique Christian Dior London, 11 novembre 1958 (Popperfoto, Getty Images)

Un’intera sezione di Christian Dior: Designer of Dreams, poi, esplora il fascino che la cultura britannica esercitava sul designer. Parlando della Gran Bretagna, Dior ebbe a dire: “Non c’è nessun altro paese al mondo, oltre al mio, il cui stile di vita mi piace così tanto. Amo le tradizioni inglesi, la cortesia inglese, l’architettura inglese. Adoro persino la cucina inglese”.

Lo stilista, infatti, ammirava la grandiosità delle grandi case e giardini dell’Inghilterra, così come i transatlantici di progettazione britannica, tra cui la Queen Mary. Aveva anche una preferenza per gli artigiani di Savile Row, la strada londinese che da 200 anni ospita i sarti più quotati della città.

La principessa Margaret assegna a Christian Dior la Honorary Life Membership of the British Red Cross (Popperfoto, Getty Images)

Sono tanti, del resto, gli episodi che legano indissolubilmente Christian Dior con l’Oltremanica: nel 1947 la sua prima sfilata nel Regno Unito è stata ospitata al Savoy Hotel di Londra, e nel 1952 è nata la boutique Christian Dior London. Le clienti più celebri? Dalla scrittrice Nancy Mitford alla ballerina Margot Fonteyn, fino alla principessa Margaret che scelse un Dior per il suo 21° compleanno, creazione in mostra grazie a un prestito dal Museum of London.

Nel 1947, Christian Dior ha cambiato il volto della moda con il suo ‘New Look ’, che ha ridefinito la silhouette femminile e dato nuova linfa all’industria della moda parigina del dopoguerra”, conclude Oriole Cullen, Fashion and Textiles Curator del V & A. “Il V & A ha riconosciuto l’importante contributo di Dior alla storia del design nelle prime fasi della sua carriera, acquisendo bozzetti e capi dagli anni ’50 in poi. L’influenza del segno di Christian Dior è stata pervasiva e ha contribuito a definire un’epoca. A suo modo, ciascuno dei successivi direttori artistici della Maison ha reinterpretato il DNA Dior e ha coltivato l’eredità del fondatore, assicurandosi che la Casa di moda restasse all’avanguardia. A più di 70 anni dalla fondazione, la mostra celebrerà l’influenza duratura della Maison e scoprirà il rapporto di Dior con la Gran Bretagna”.

Galleria di immagini: Christian Dior Designer of Dreams, la mostra al Victoria and Albert Museum di Londra: le foto