Come gestire il caldo in gravidanza

Alcuni consigli per godere al meglio della maternità anche nei mesi caldi, proteggendosi dai danni del sole e dalle alte temperature.

Aggiornato il 27 marzo 2019
Mamma

Il periodo della gravidanza è senza dubbio uno dei più belli nella vita di ogni donna, ma quando gli ultimi mesi coincidono con quelli estivi, magari i più caldi degli ultimi anni, anche le donne più pazienti e attente possono incorrere in alcuni fastidi, tipici del caldo estivo.

La {#gravidanza} è un momento delicato, ma generalmente di grande salute per la donna, e se la gestazione procede in maniera fisiologica può essere vissuto in totale libertà, semplicemente seguendo qualche accorgimento. In primo luogo per evitare la disidratazione è importante bere tanta acqua.

Se questo consiglio è utile in ogni stagione e per ogni regime alimentare, proprio durante la gravidanza l’assunzione di acqua è ancora più importante. Con la sudorazione, che nei mesi estivi può anche aumentare, si perdono infatti moltissimi sali minerali con il risultato che, specialmente di notte o la mattina presto, possono manifestarsi fastidiosi crampi.

Altro sintomo della disidratazione è un senso di spossatezza a cui si può far fronte assumendo potassio e magnesio, magari attraverso un integratore, previa consultazione medica, o semplicemente mangiando alimenti che sono ricchi di queste sostanze, come le banane.

Il caldo eccessivo può anche creare fastidi alle gambe, gonfiore e dolorabilità. Per prevenire tali effetti collaterali è possibile fare pediluvi rilassanti con acqua tiepida e sali, massaggiando i piedi e i polpacci, tenendo poi le gambe sollevate con un cuscino e facendo lunghe camminate, soprattutto nelle ore meno calde della giornata per riattivare la circolazione.

Molte ricerche dimostrano che prendere il sole in gravidanza non è affatto pericoloso, basta seguire alcune fondamentali precauzioni, perciò sia che andiate al mare sia che optiate per la montagna ricordate di indossare vestiti traspiranti e di portare le creme adatte (consigliata una protezione totale o comunque con SPF 50+), oltre a un cappello per evitare i colpi di calore proteggendo anche la testa. Inoltre ricordate che anche in gravidanza potete essere sexy e indossare freschi bikini mozzafiato, basta usare la testa.

Infine, anche se restate in città e la temperatura sale, non dimenticate una buona crema per il viso, per evitare la comparsa di antiestetiche macchie o fenomeni di iperpigmentazione. Un ultimo consiglio: meglio tenere una pratica bottiglietta d’acqua sempre in borsa quando si esce di casa, soprattutto se ci si reca in spiaggia.

Articolo originale pubblicato il 22 giugno 2011

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Estate
  • Gravidanza