Cura dei capelli: 7 errori da non fare

Vogliamo capelli sani e luminosi, ma per pigrizia e abitudine mettiamo in pericolo la loro salute: i 7 errori da non fare se si tiene alla cura dei capelli.

Aggiornato il 19 giugno 2019

La cura dei capelli sta a cuore a tutte le donne: li tagliamo, li spazzoliamo, mettiamo balsami, lozioni e maschere di bellezza, ma ci sono degli errori da non fare in cui cadiamo senza neppure rendercene conto, un po’ per pigrizia, un po’ per abitudine o ignoranza.

Ecco i 7 errori da non fare se si tiene alla cura dei capelli.

  1. Spazzolare i capelli troppo spesso. Se è vero che spazzolare i capelli fa bene e ossigena il cuoio capelluto, è altrettanto vero che ripetere l’operazione una volta al giorno è più che sufficiente. Farlo troppo li danneggerebbe e non sarebbe utile. I capelli, poi, non vanno assolutamente spazzolati quando sono bagnati, specialmente se non si è messo il balsamo. Altro accorgimento per capelli curati: la scelta della spazzola. Rivolgetevi al parrucchiere o ai rivenditori esperti, perché non sono tutte uguali e ogni tipo di capello ha la sua spazzola.
  2. Giocare con le dita nei capelli. Certo far passare le mani nei capelli o arrotolare le ciocche con le dita può sembrare un comportamento sexy, ma non è altrettanto salutare per i capelli. Cercate altro con cui giocare, come per esempio una penna, così eviterete di sporcare i capelli e di spezzarli con i vostri piccoli tic.
  3. Lavare i capelli tutti i giorni. Il lavaggio quotidiano rimuove gli oli e le proteine naturali che il capello e il cuoio capelluto secernono: meglio dare loro qualche giorno di tregua e lavarli quando sono veramente sporchi, ogni tre giorni circa.
  4. Strofinare i capelli bagnati con un asciugamano. I capelli bagnati sono estremamente fragili perché l’attrito tra di loro è ridotto al minimo. Anche se strofinarli dopo lo shampoo è utile per togliere la maggior parte dell’acqua, quest’abitudine è dannosa. La maniera corretta è tamponarli delicatamente con l’asciugamano.
  5. Utilizzare l’asciugacapelli ad alte temperature. Sia l’asciugacapelli che la piastra per lisciare e il ferro per arricciare vanno utilizzati con moderazione e a temperature calde ma non bollenti, tra i 120 i 230 gradi ma non oltre. L’eccessivo calore, infatti, priva delle proteine la cuticola del capello, rendendolo secco e opaco.
  6. Passare la piastra sui capelli trattati con lacca. Questa combinazione è pessima per la salute dei capelli. Presto detto: l’alcool presente nella maggior parte degli spray per capelli brucia quando entra in contatto con il calore. Meglio applicare un protettore termico prima della stiratura e aggiungere la lacca solo a operazione finita.
  7. Trascurare la manutenzione degli attrezzi. La spazzola, il pettine, l’asciugacapelli, la piastra e il ferro arricciacapelli possono accumulare una discreta quantità di batteri sulle loro superfici. Assicuratevi di pulirli con un panno antibatterico ogni tanto (ovviamente quando sono freddi).

Articolo originale pubblicato il 15 luglio 2015

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Prodotti per capelli