Distrazione in auto? Pericolosa, anche da ferme

Leggere un messaggio, parlare al cellulare, cambiare stazione radio o controllarci il trucco: tutte cose da non fare mai, neanche mentre stiamo facendo benzina.

News

Storia

Di quanto sia indispensabile mettere il massimo della concentrazione quando si è in macchina si parla moltissimo e molte di noi hanno la presunzione di sapere già tutto. Ma se è così, sappiamo anche cosa dice il vecchio adagio: che c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare. Ad esempio che anche distrarsi durante una sosta al benzinaio, magari parlando al telefono, può causare danni davvero irreparabili.

È vero, una macchina è un po’ una seconda casa. L’interno della nostra auto è il nostro privatissimo piccolo habitat. Il nostro habitacolo, potremmo dire se ci piacessero i giochi di parole un po’ facili. Non possiamo negare che nei percorsi quotidiani tra casa, scuola, lavoro, palestra non è sempre facile mettere tutto da parte e dedicarsi completamente alla guida. Per fortuna però la tecnologia già da tempo ci viene in aiuto: i comandi vocali del cellulare, gli auricolari, i comandi sul volante, e in certe auto ora anche il lettore automatico di messaggi (guardate ad esempio la tecnologia SYNC text reader) hanno semplificato di molto la gestione multitasking dei nostri viaggi.

Visualizza questo contenuto su

Nonostante questo, l’Italia è uno dei paesi con il più alto numero di incidenti stradali dovuti a queste piccole distrazioni (circa il 61% secondo uno studio commissionato da Ford Europa). Eppure lo sappiamo. A volte siamo così preoccupate di distrarci durante la guida che aspettiamo il momento di fermarci a una stazione di servizio per fare davvero di tutto. E anche se con il self service dobbiamo provvedere da sole, questo non ci trattiene dal fare quella telefonata importante mentre scendiamo dalla macchina, mandare quel “sono in ritardo, arrivo” o sistemarci i capelli specchiandoci nel finestrino mentre aspettiamo che l’erogatore abbia finito. Ecco, ma poi arriva il momento in cui realizziamo: perché l’erogatore è verde se la macchina è un diesel?

Ebbene sì, non è successo soltanto a voi. Sbagliare carburante mentre si fa rifornimento è un errore comunissimo. Non esistono stime ufficiali, ma basta farsi un giro su alcuni forum online per capire quante persone continuano a cadere in questa distrazione di un attimo che può mandare la propria auto in panne e causare danni tali da dover arrivare a sostituire intere parti del motore. L’errore è così comune che un’azienda come Ford ha deciso di risolverlo una volta per tutte con un sistema di rifornimento senza tappo chiamato Easy Fuel che riconosce automaticamente l’erogatore giusto e solo in quel momento consente il passaggio del carburante. Per testarlo, è bastato mettere in scena una piccola candid camera. Guardate che risultato!

Visualizza questo contenuto su

In ogni modo, appena vi rendete conto del vostro momento di distrazione non improvvisate soluzioni trovate qua e là su internet. Non avviate il motore o se siete già partite fermatevi e fate l’unica chiamata che è davvero il caso di fare anche senza auricolare: quella al vostro meccanico di fiducia.