Festa del Papà, mete per il week end

Consigli e itinerari per una gita fuori porta in occasione della Festa del Papà, da Verona e Torino fino alla Toscana.

Aggiornato il 12 marzo 2015

Il 19 marzo è arrivato e, complice la primavera ormai alle porte, potrebbe essere l’occasione per trascorrere un week end in famiglia e festeggiare i papà organizzando una giornata in un luogo speciale, che mette d’accordo grandi e bambini.

Perché non optare per un parco faunistico? Oppure per un museo dedicato alle automobili? Le possibilità che la penisola offre sono tante, e la Festa del Papà rappresenta un’ottima occasione per una gita fuori porta.

Partendo da nord, una delle tante possibilità è data dal Parco Naura Viva, situato a pochi chilometri da Verona. Non si tratta del solito zoo, ma bensì di un vero e proprio percorso safari attraverso un’area appositamente creata per ospitare alcune delle più belle specie animali. Oltre alla zona dedicata ai rettili e ai pesci, inoltre, il parco offre un’attrattiva senza dubbio originale solitamente molto amata dai piccoli. Si tratta del Parco dei Dinosauri, uno spazio molto ampio che contiene riproduzioni a grandezza reale delle più note specie di Dinosauri carnivori ed erbivori.

Non lontano dal parco, sempre nel veronese, è possibile visitare l’acquario di Gardaland, il Sealife, che proprio in occasione della Festa del Papà ha ideato una promozione che permette ai bambini di regalare il biglietto d’ingresso al proprio padre. Sul sito si trovano informazioni dettagliate su questa originale iniziativa.

Chi ha la possibilità di recarsi a Torino, può visitare con tutta a famiglia il Museo dell’Automobile, dedicato a tutti gli appassionati di automobilismo e di itinerario di viaggio che prevede il noto Slava’s Snow Show, uno spettacolo di clown che offre numeri di magia, sketch curiosi e molti effetti speciali.

Sempre in Toscana, ecco una meta classica ed evergreen: il Parco di Pinocchio a Collodi, in provincia di Pistoia. Una sorprendente ricostruzione dei luoghi e dei personaggi che popolano la fiaba italiana più famosa al mondo, tutto immerso nel verde di un giardino davvero speciale. Solo per fare alcuni esempi, è possibile fare un giro dentro la pancia della balena, oppure ammirare la deliziosa casetta della fata turchina.

Articolo originale pubblicato il 18 marzo 2011

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Festa del Papà 2020