Grammy Awards 2017: nominations, performances, Laura Pausini e come votare

Grammy Awards 2017, tutto sulla cerimonia di premi musicali americani: nomination, performance, Laura Pausini, Andrea Bocelli e come si vota.

Pronti per i Grammy Awards 2017? Ecco svelati i vincitori degli Oscar della musicasi sono tenuti domenica 12 febbraio in diretta dallo Staples Center di Los Angeles (da noi in Italia durante la nottata). Grandissima l’attesa per conoscere i vincitori delle categorie, in basso trovate tutte le nomination (tra cui gli italiani Laura Pausini e Andrea Bocelli), vedere le performance degli artisti (Katy Perry presenterà in anteprima il nuovo singolo). La prestigiosa cerimonia di premi è volta a premiare, attraverso un sistema di voto, i migliori cantanti internazionali che hanno segnato con i loro successi l’ultimo anno, il 2016, nei vari generi musicali (pop, dance-electronic, rock, metal, alternative, urban contemporary, rap, country, gospel, blues, jazz, latino).

Sono attesi quindi gli artisti più famosi e di successo a livello planetario, tra cui Beyoncé, Drake, Rihanna, Adele, Justin Bieber, ma anche gli italianissimi Laura Pausini, Andrea Bocelli ed Ennio Morricone, quest’ultimo in lizza per la colonna sonora di The Hateful Eight.

Volete seguire la serata e conoscere tutti i dettagli della 59° edizione dei Grammy Awards, incluse nomination, come si vota, vincitori e artisti italiani? Ecco tutto quello che dovete sapere.

Grammy awards 2017: vincitori

Ecco la lista dei vincitori nelle categorie più importanti:

  • Album dell’anno – 25, Adele
  • Canzone dell’anno – Hello, Adele
  • Registrazione dell’anno – Hello, Adele
  • Artista emergente – Chance The Rapper
  • Performance pop solista – Hello, Adele
  • Performance pop duo/gruppo – Stressed Out, Twenty One Pilots
  • Album pop vocale – Hello, Adele
  • Album dance/elettronica – Flume, Skin
  • Performance rock – Blackstar, David Bowie

Grammy awards 2017 nominations

Le categorie presentate ai Grammy Awards 2017 sono tante (ben 84), di cui le più ambite sono sicuramente il miglior album dell’anno, il miglior singolo dell’anno (premio volto a celebrare il cantante e la produzione del brano) e la migliore canzone dell’anno (premio diretto alla scrittura del testo della canzone).

In testa per numero di nomination quest’anno troviamo Beyoncé con ben 9 candidature per il suo ultimo album Lemonade, seguita a ruota da Drake, Rihanna e Kanye West, a quota otto. Bene anche Adele, che, con il suo album 25, si è accaparrata (come Beyoncé) una nomination nelle tre categorie più importanti sopracitate.

Ecco la lista delle nomination previste per quest’anno nelle categorie più importanti:

Album Of The Year
25 — Adele
Lemonade — Beyoncé
Purpose — Justin Bieber
Views — Drake
A Sailor’s Guide To Earth — Sturgill Simpson

Record Of The Year
Hello — Adele
Formation — Beyoncé
7 Years — Lukas Graham
Work — Rihanna Featuring Drake
Stressed Out — Twenty One Pilots

Song Of The Year
Formation — Khalif Brown, Asheton Hogan, Beyoncé Knowles & Michael L. Williams II, songwriters (Beyoncé)
Hello — Adele Adkins & Greg Kurstin, songwriters (Adele)
I Took A Pill In Ibiza — Mike Posner, songwriter (Mike Posner)
Love Yourself — Justin Bieber, Benjamin Levin & Ed Sheeran, songwriters (Justin Bieber)
7 Years — Lukas Forchhammer, Stefan Forrest, Morten Pilegaard & Morten Ristorp, songwriters (Lukas Graham)

Best New Artist
Kelsea Ballerini
The Chainsmokers
Chance The Rapper
Maren Morris
Anderson .Paak

Best Pop Vocal Album
25 — Adele
Purpose — Justin Bieber
Dangerous Woman — Ariana Grande
Confident — Demi Lovato
This Is Acting — Sia

Best Traditional Pop Vocal Album
Cinema – Andrea Bocelli
Fallen Angels – Bob Dylan
Stages Live – Josh Groban
Summertime: Willie Nelson Sings Gershwin – Willie Nelson
Encore: Movie Partners Sing Broadway – Barbra Streisand

Best Latin Pop Album

Un Besito Mas — Jesse & Joy
Ilusión — Gaby Moreno
Similares — Laura Pausini
Seguir Latiendo — Sanalejo
Buena Vida — Diego Torres

Best Rock Song
Blackstar – David Bowie, songwriter (David Bowie)
Burn The Witch – Radiohead, songwriters (Radiohead)
Hardwired – James Hetfield & Lars Ulrich, songwriters (Metallica)
Heathens – Tyler Joseph, songwriter (Twenty One Pilots)
My Name Is Human – Rich Meyer, Ryan Meyer & Johnny Stevens, songwriters (Highly Suspect)

Best Rock Album
California — Blink-182
Tell Me I’m Pretty — Cage The Elephant
Magma — Gojira
Death Of A Bachelor — Panic! At The Disco
Weezer — Weezer

Best Alternative Music Album
22, A Million — Bon Iver
Blackstar — David Bowie
The Hope Six Demolition Project — PJ Harvey
Post Pop Depression — Iggy Pop
A Moon Shaped Pool — Radiohead

Best Urban Contemporary Album
Lemonade — Beyoncé
Ology — Gallant
We Are King — KING
Malibu — Anderson Paak
Anti — Rihanna

Best Rap Album
Coloring Book – Chance The Rapper
And The Anonymous Nobody – De La Soul
Major Key – DJ Khaled
Views – Drake
Blank Face LP – ScHoolboy Q
The Life Of Pablo – Kanye West

Best Music Video
Formation — Beyoncé
River — Leon Bridges
Up & Up — Coldplay
Gosh — Jamie XX
Upside Down & Inside Out — OK Go

Grammy awards 2017: come si vota

Si può votare per i Grammy? Purtroppo no: i premi non vengono affidati tramite voto popolare, ma da alcuni esperti di musica scelti dall’organizzazione stessa. Sono i membri votanti a decretare le nomination tra tutte le candidature presentate dagli artisti, produttori e case discografiche. Ogni giurato può votare in un massimo di 15 categorie, a seconda delle proprie specializzazioni, più nelle quattro categorie generali – Record of The Year, Album of The Year, Song of the Year e Best New Artist.

I membri votanti e un comitato speciale di nominati stabiliscono anche i vincitori in ogni categoria, secondo i criteri espressi in precedenza. Un audit esterno vigila sulla correttezza delle operazioni di voto. I vincitori si conosceranno solamente domenica 12 febbraio in occasione della cerimonia dei Grammy 2017.

Grammy awards 2017: presentatori

Conduttore dei Grammy Awards 2017 sarà James Corden, famoso presentatore e attore comico britannico, che nell’ultimo anno e mezzo è diventato popolarissimo negli Stati Uniti (e non solo) per il suo divertentissimo Carpool Karaoke, un format (copiato quest’anno anche in Italia) nel corso del quale alcune superstar salgono in auto con Corden e lo accompagnano negli studi del The Late Late Show cantando e ballando le loro hit più famose alla radio.

James Corden è riuscito a coinvolgere nel suo Carpool Karaoke tantissimi artisti, tra cui Madonna, Mariah Carey, Stevie Wonder, Adele, Chris Martin, Red Hot Chilli Peppers, One Direction, Lady Gaga, Selena Gomez, Justin Bieber e perfino Michelle Obama! Con la sua comicità e passione per la musica e il ballo, ci possiamo aspettare un grande show da parte di James Corden.

Grammy awards 2017 Laura Pausini

Tra i tanti cantanti inglesi e americani, spunta il nome di Laura Pausini, candidata al Grammy nella categoria Best Latin Pop Album per il suo lavoro in studio Similares, versione spagnola di Simili. Riuscirà ad aggiudicarsi il suo secondo Grammy, battendo Jesse & Joy, Gaby Moreno, Sanalejo e Diego Torres? La cantante romagnola, infatti, vinse il Grammy al Miglior Album Latino nel 2006.

Per prepararsi al bis, Laura Pausini condivide sui social la sua preparazione alla cerimonia dei premi, pubblicando ogni giorno un selfie in cui indossa una felpa con una scritta ricamata indicante il giorno della settimana in questione.

Grammy awards 2017 Andrea Bocelli

Anche Andrea Bocelli è candidato ai Grammy 2017, nella categoria Best Tradiotional Pop Vocal Album per il suo album Cinema, in cui il cantante toscano ha reinterpretato i classici estratti da colonne sonore di film premi Oscar, cantati in tre lingue – italiano, inglese e spagnolo. L’album include anche numerosi duetti, incluso quello con Ariana Grande sul brano E più ti penso.

Andrea Bocelli dovrà contendersi il premio con altri mostri sacri della muscia: Bob Dylan, Josh Groban, Willie Nelson e Barbra Streisand.

 

Grammy awards 2016: vincitori

Ricordiamo anche chi ha trionfato i Grammy Awards 2016. Lo scorso anno aveva dominato Taylor Swift, nominata per 1989, unica artista femminile a vincere due volte il Grammy per Il migliore album dell’anno. Il suo discorso sulla forza femminile e la capacità di andare avanti nonostante i detrattori (frecciatina chiara a Kenye West) è diventato protagonista del promo ufficiale dei Grammy Awards 2017. Taylor poi aveva vinto il premio come miglior album vocale pop e miglior video con Bad Blood.

Il maggior numero di premi era andato tuttavia al rapper Kendrick Lamar, che ha vinto cinque premi su undici nomination, mentre due sono i Grammy andati ad Ed Sheeran.

Ecco i vincitori dello scorso anno nelle categorie principali:

  • Album dell’anno – 1989, Taylor Swift
  • Canzone dell’anno – Thinking out loud, Ed Sheeran
  • Registrazione dell’anno – Uptown funk, Mark Ronson e Bruno Mars
  • Artista emergente – Meghan Trainor
  • Performance pop solista – Thinking out loud, Ed Sheeran
  • Performance pop duo/gruppo – Uptown funk, Mark Ronson e Bruno Mars
  • Album pop vocale – 1989, Taylor Swift
  • Album dance/elettronica – Skrillex and Diplo present Jack Ü, Skrillex And Diplo
  • Album rock – Drones, Muse
  • Canzone rock – Don’t wanna fight, Alabama Shakes
  • Album alternative – Sound & color, Alabama Shakes
  • Album rap – To pimp a butterfly, Kendrick Lamar
  • Album r&b – Black Messiah, D’Angelo And The Vanguard
  • Album World Music – Sings, Angelique Kidjo

Credits foto: