Gucci Décor apre un temporary store per la Milano Design Week 2019

Durante il Salone del Mobile, la maison apre fino a giugno uno spazio dedicato alla sua collezione della linea di arredo e oggettistica.

Casa

La Milano Design Week si apre con l’inaugurazione del temporary store di Gucci Décor: fino a giugno, il negozio su due piani di via Santo Spirito 19 ospita la linea di mobili, arredi e oggetti decorativi della maison.

Le proposte? Includono porcellane, mobili e accessori d’arredamento, tutti decorati con motivi e simboli tratti dal lessico visivo di Alessandro Michele, che celebra il mondo della natura, con i suoi richiami floreali e faunistici, ma anche pezzi di antiquariato, séparé decorati, ceramiche dipinte a mano, manici a forma di serpente, portacandele con stampe floreali, tigri disegnate su cuscini ricamati e pareti rivestite con carta da parati in vinile o seta, coloratissime.

Gucci Décor (Fonte: Facebook)

Carta da parati nei classici motivi Gucci riveste le pareti del negozio, dove è possibile ammirare tessili da parete simili ad arazzi. L’arredo unisce mobili tratti dalla collezione, pezzi d’antiquariato restaurati e unità espositive costruite appositamente. Inoltre, i dettagli architettonici originali del palazzo sono stati valorizzati con le porte a pannelli decorate, il soffitto a cassettoni al primo piano e il camino in marmo.

Gucci Décor (Fonte: Facebook)

In concomitanza con il Salone del Mobile 2019 e l’apertura del temporary store, è disponibile una nuova funzionalità Gucci App per device Apple con cui il brand permetterà gli utenti di scoprire luoghi evocativi e storici di Milano, in prossimità dei quali alcuni articoli della linea Gucci Décor saranno visibili sullo schermo sotto forma di gigantesca scultura virtuale.

Non solo, il Gucci Hub si apre per accogliere un significativo repertorio di opere tra cui, fotografie, video, testi e appunti relativi alla vita personale e professionale di due importanti personalità della scena teatrale: Leo de Berardinis e Perla Peragallo. Il percorso espositivo, visitabile presso la sede di via Mecenate fino al 12 aprile in occasione della fiera Miart, prende il nome di Lo stupore della materia. Il teatro di de Berardinis-Peragallo [1967/1979] e riunisce le esperienze lavorative dei due artisti a cavallo tra gli anni ’60 e ’70.

Credits foto:

  • Gucci | Facebook