L’uomo fedele, trama e recensione del film con Louis Garrel

Triangolo amoroso in salsa glamour: arriva in sala l'11 aprile la seconda opera dell'enfant prodige del cinema francese con Laetitia Casta e Lily-Rose Depp.

Una commedia contemporanea di buone maniere“, è così che Louis Garrel definisce il suo L’uomo fedele, film interpretato insieme a Laetitia Casta e Lily-Rose Depp, al cinema dall’11 aprile.

Scopriamo trama, uscita e recensione del film, con un focus dedicato a Louis Garrel.

Laetitia Casta e Louis Garrel ne L'uomo fedele
L’uomo fedele (Courtesy Press Office)

L’uomo fedele, trama del film

È una Parigi quasi deserta quella in cui si dipana il secondo film da regista di Louis Garrel, una commedia sentimentale scritta con Jean-Claude Carrière (drammaturgo e sceneggiatore prediletto da Luis Buñuel) che esplora, con tocco lieve, l’enigma amoroso, attraverso le peripezie di un uomo, Abel (lo stesso Garrel), conteso tra due donne, Marianne (Laetitia Casta) ed Eve (Lily-Rose Depp).
Otto anni dopo essersi lasciati, Abel e Marianne si ritrovano al funerale di Paul, marito di lei e miglior amico di lui: i due tornano insieme, suscitando la gelosia del figlio Joseph e di Eve, la sorella di Paul da sempre segretamente innamorata di Abel.

Lily-Rose Depp ne L'uomo fedele
L’uomo fedele (Courtesy Press Office)

Chi è Louis Garrel

Figlio d’arte (il padre è il regista Philippe Garrel, la madre è l’attrice Brigitte Sy; attori anche il nonno, Maurice Garrel, e il padrino, Jean-Pierre Léaud), Louis Garrel ha iniziato la sua carriera giovanissimo, a 6 anni, ne Les Baisers de secours diretto dal padre nel 1989.
Conosce il successo nel 2003 con The Dreamers – I sognatori di Bernardo Bertolucci; partecipa a Les amours imaginaires di Xavier Dolan, a Saint Laurent, al fianco di Gaspard Ulliel, a Planetarium, con Natalie Portman e Lily-Rose Depp, diretto da Rebecca Zlotowski e a I fantasmi d’Ismaeldi Arnaud Desplechin. Nel 2017 ha vestito i panni del regista Jean-Luc Godard ne Il mio Godard .
Il suo primo lungometraggio da regista, Les deux amis, risale al 2015 e fu presentato fuori concorso alla Semaine de la Critique di Cannes.
La passione di Garrel per donne più grandi è cosa risaputa: dopo una lunga relazione con Valeria Bruni Tedeschi (19 anni di differenza) si è sposato nel giugno 2017 con Laetitia Casta (con cui scende a 5 la differenza di età). L’attrice con il collega francese ha ritrovato l’amore dopo la separazione dopo 10 anni con Stefano Accorsi (legato dal 2013 con la allora 21enne Bianca Vitali).

Louis Garrell ne L'uomo fedele
L’uomo fedele (Courtesy Press Office)

Recensione de L’uomo fedele

Quanta bellezza e quanta eleganza nei protagonisti dell’opera seconda di Louis Garrel, alle prese con uno dei temi più cari al cinema francese: il triangolo amoroso. Se Truffaut e la celeberrima liaison di Jules e Jim con Catherine restano gli inarrivabili punti di riferimento della Nouvelle Vague a cui il regista rende omaggio (e non solo per grazia registica), Garrel dà prova di ironia e leggerezza, aiutato dall’interpretazione delle due protagoniste, prese a contendersi lo stralunato Abel.
Sentimenti in primo piano, dunque, condititi di quell’allure tutta francese fatta di luci cristalline e colori plumbei e – ça va sans dire – quello stile effortless chic che traspare in ogni cambio di abito, in ogni acconciatura, in ogni passata di blush.

Louis Garrel ne L'uomo fedele
L’uomo fedele (Courtesy Press Office)

Uscita del film

L’uomo fedele esce in sala in Italia l’11 aprile, distribuito da Europictures. Presentato al Toronto Film Festival, il film è proiettato in anteprima a Roma in occasione del Rendez-Vous, Festival del cinema francese che parte dalla Capitale, dal 3 all’8 aprile, per poi toccare, con focus e artisti, le città di Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Torino. La nona edizione della rassegna ha un focus dedicato al cinema di Jacques Audiard e a The Sisters Brothers.

Louis Garrel e Laetitia Casta ne L'uomo fedele
L’uomo fedele (Courtesy Press Office)

Credits foto:

  • L'uomo fedele | Ufficio Stampa