La dieta proteica

La dieta proteica, preferita dalle star, è efficace, bisogna solo stare attenti a non esagerare e non farla per oltre due mesi.

Perdere peso velocemente, senza danni all’organismo. Il messianico delle taglia 44? Più o meno. La dieta proteica sembra davvero mettere tutti d’accordo: le star e gli sportivi che la utilizzano, i dietologi che la promuovono sui giornali. Vediamo come e perché.

Com’è noto, il nostro corpo ha bisogno di tutto, carboidrati, proteine, grassi, e in questo rapporto: 60 – 30 – 10 per cento. La dieta proteica consiste nell’aumentare la percentuale di proteine a scapito delle altre due componenti. E se la manterrete per un mese e non avete problemi (gravi) al fegato o ai reni, perderete cinque o sei chili.

Il miracolo consiste nel fatto che assumendo carne bianca, verdure, pesce, formaggi, salumi, uova e legumi, c’è soddisfazione per il nostro palato, sufficiente variabilità. L’organismo è costretto a estrarre dalle proteine l’energia di cui ha bisogno (e che generalmente cattura dai carboidrati, con una dinamica di trasformazione più “pigra”) e la domenica, o comunque un giorno alla settimana, si mangia un bel piatto di pasta senza ansie.

Ci sono però delle controindicazioni. Anzi una sola, ma importante: non può essere seguita a lungo. Dopo un mese, è meglio tornare al vecchio regime alimentare, introducendo di nuovo le tre “p” (pasta, pane, patate) nell’alimentazione.

Per mantenere il peso, fatelo gradualmente e scegliete i cereali integrali ricchi di fibra che aiutano ad assimilare più lentamente le calorie (così avrete il tempo, con un po’ di esercizio fisico, di bruciarle). Insomma, se pasta deve essere, quella integrale è un’ottima idea.

Si trovano molte diete settimanali a base di proteine. Questa è una dieta consigliata:

lunedì
Colazione: una tisana depurativa, tè o caffè, 3 biscotti
Spuntino: succo di pompelmo (200 cc.)
Pranzo: una fettina di vitella dorata in padella con pomodoro; cavolo bollito
Cena: coniglio in casseruola, fagiolini al vapore

Martedì
Colazione: una tisana depurativa, tè o caffè, 3 biscotti
Spuntino: succo di albicocca senza zucchero
Pranzo: pesce spada alla griglia, bietole al vapore
Cena: frittata di 2 uova e zucchine, broccolo lesso

Mercoledì
Colazione: una tisana depurativa, tè o caffè, 3 biscotti
Spuntino: succo di arancia (200 cc.)
Pranzo: petto di tacchino con carote, porri e sedano; zucchine lesse
Cena: formaggi freschi misti

Giovedì
Colazione: una tisana depurativa, tè o caffè, 3 biscotti
Spuntino: succo di succo di pompelmo (200 cc.)
Pranzo: fegato di manzo alla cipolla, barbabietola al vapore
Cena: spiedini di tacchino, melanzane alla griglia con pomodoro e origano

Venerdì
Colazione: una tisana depurativa, tè o caffè, 3 biscotti
Spuntino: succo di ananas
Pranzo: sogliola al forno, insalata di scarola
Cena: tonno o salmone al naturale, verdure miste (finocchio, sedano, carote)

Sabato
Colazione: una tisana depurativa, tè o caffè, 3 biscotti
Spuntino: succo di arancia (200 cc.)
Pranzo: pollo alla griglia e spinaci bolliti
Cena: salsicce magre bollite, zucchine e porri al vapore condite con cipolline e pepe rosso

Domenica
Colazione: una tisana depurativa, 100 grammi di pane tostato, due cucchiaini di marmellata
Spuntino: succo di pompelmo (200 cc.)
Pranzo: 100 grammi di riso ai piselli oppure 100 grammi di pasta con 80 grammi di cuori di carciofo; 200 grammi di verdura mista alla griglia
Cena: 200 grammi di champignon al forno, 200 grammi di legumi

Un’altra fonte sui trucchi delle diete senza farsi del male sono gli articoli della dottoressa Stefania Setti della clinica Gavazzeni di Bergamo. A proposito della dieta proteica, afferma:

“Nel caso in cui si volesse perdere qualche chilo rapidamente, consiglierei di seguire questo regime ipocalorico al massimo per un periodo di un mese. Ma, nel momento in cui vi sia la necessità di calare di peso, resta sempre valido il consiglio di non escludere nessun alimento dalla dieta.”