Lady Gaga sarà Patrizia Reggiani nel film di Ridley Scott sull’omicidio Gucci

La cantante di origini italiane interpreterà Patrizia Reggiani nel film di Ridley Scott sull'omicidio di Maurizio Gucci.

Spettacolo

Storia

Il regista britannico Ridley Scott ha deciso di girare un film sulla mortedi Maurizio Gucci: la mandante dell’omicidio fu la ex moglie Patrizia Reggiani che sarà interpretata da Lady Gaga.

La protagonista di A star is born, pellicola per la quale ha ricevuto la candidatura agli Oscar 2019 come migliore attrice protagonista, sarà appunto la vedova nera Patrizia Reggiani che ordinò l’omicidio del marito avvenuto il 27 marzo 1995 con 4 colpi di pistola esplosi da un sicario.

Lady Gaga, che recentemente ha lanciato la sua linea make-up, ha sempre dichiarato di voler proseguire la sua carriera sul grande schermo dopo l’esordio da protagonista in A star is born accanto a Bradley Cooper (la performance sul palco delle premiazioni degli Oscar 2019 con l’attore ha provocato non pochi rumors su una loro presunta relazione).

Ridley Scott porterà al cinema questo dramma tutto italiano grazie alla sceneggiatura di Roberto Bentivegna che ha basato il suo lavoro sul libro “The House of Gucci: A Sensational Story of Murder, Madness, Glamour, and Greed” di Sara Gay Forden.

Chi era Maurizio Gucci e come è stato ucciso

Maurizio Gucci, nipote di Guccio Gucci il fondatore della casa di moda Gucci, aveva sposato Patrizia Reggiani nel 1973. Dopo 12 anni di matrimonio e due figlie, Alessandra e Allegra, Maurizio Gucci lascia la moglie per una donna più giovane (allontanandosi da casa con la scusa di un viaggio d’affari dal quale non fece ritorno). La coppia divorzia ufficialmente nel 1991 ma la Reggiani, nonostante un accordo miliardario, continua a nutrire forti rancori nei confronti dell’ex marito e ordina il suo omicidio per la cifra di 610 milioni di Lire. La Reggiani, dopo lunghe indagini, fu condannata a 26 anni di carcere per essere stata la mandante e l’organizzatrice dell’omicidio. La Reggiani è tornata in libertà nel 2017.